Le 15 promesse che potrebbero rendere l’industria finanziaria migliore

A
A
A
di Finanza Operativa 28 Dicembre 2015 | 14:00

a cura di Morningstar

Fine dell’anno: è tempo di bilanci e di piani per il 2016 nelle società di gestione, nelle banche e nelle reti di consulenza finanziaria. Ma qual è la lista dei desideri che Morningstar vorrebbe fosse sottoscritta da tutti gli operatori del mercato? Il team di giornalisti europei ha provato a stilarla.

Sgr e gestori
– Prometto di lanciare solo fondi per i quali ho le competenze, senza inseguire le mode pur di attrarre nuovi flussi di investimento.
– Prometto di fare una pubblicità chiara ed essenziale dei prodotti, evitando di illudere gli investitori con formule miracolose.
– Prometto di gestire la società nel rispetto dei criteri di responsabilità sociale, ambientale e di governance (cosiddetti ESG, Environmental, social and governance).
– Prometto di ridurre i costi per i clienti se le economie di scala della gestione del fondo lo permettono, rendendo partecipi i sottoscrittori del miglioramento della redditività.
– Prometto, come gestore, di essere veramente attivo, selezionando solo le società che realmente credo possano sovra-performare.

Banche e reti di consulenti finanziari
– Prometto di essere all’altezza del rapporto di fiducia del risparmiatore nei miei confronti, consigliando solo i prodotti finanziari che rispondono alle sue esigenze e sono adeguati alle sue caratteristiche.
– Prometto di operare mettendo al primo posto l’interesse dell’investitore, senza farmi condizionare dalle politiche di retrocessione commissionale più generose.
– Prometto di spiegare con chiarezza al cliente i rischi degli investimenti, in particolare per i prodotti con le più alte prospettive di rendimento.
– Prometto di aiutare l’investitore ad assumere un approccio di lungo periodo, basato sugli obiettivi e le esigenze finanziarie, anziché rincorrere le mode e le notizie di mercato.

Risparmiatori
– Prometto di evitare di comprare un fondo solo perché è di moda.
– Prometto di essere paziente e avere un orizzonte di lungo periodo, senza inseguire i trend dei mercati.
– Prometto di dedicare più tempo alle decisioni di investimento, leggendo i documenti informativi dei diversi prodotti finanziari, facendo confronti e analisi, così come quando devo fare un acquisto importante (ad esempio la casa).
– Prometto di non farmi abbagliare dalle performance, ma di comprendere i rischi e i costi di uno strumento finanziario.
– Prometto di costruire un portafoglio diversificato, coerente con il mio profilo di rischio, e di monitorarlo nel tempo.
– Prometto di non acquistare un prodotto finanziario se non ne capisco il funzionamento, i rischi e i costi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, settore finanziario: cosa fare dopo le trimestrali

Banche, crediti deteriorati: arriva il diktat

Banca Widiba, è tempo di tornare in classe

NEWSLETTER
Iscriviti
X