Ondata di vendite a Wall St. A Piazza Affarisi profila un’altra seduta all’insegna dell’alta volatilità

A
A
A
di Finanza Operativa 11 Ottobre 2018 | 08:40

L’ondata di vendite che si è abbattuta ieri a Wal Street, dove l’indice S&P 500 ha lasciato sul campo il 3,29%, il Dow Jones Industrial il 3,15% e a Time Square dove il Nasdaq Composite ha perso il 4,44%, si rifletterà probabilmente sui listini listini europei con vendite altrettanto, se non ulteriormente, copiose. A cominciare ovviamente dai listini periferici quali Piazza Affari più sensibili.

Il motivo scatenente di questa situazione? A detta degli operatori è stato il brusco calo delle quotazioni del petrolio Wti, tornato a toccare un minimo di 70,72 dollari per barile sfondando via via una serie di importanti supporti tecnici.

Nel frattempo, in questo scenario, Trump è tornato ad attaccare la Fed, lasciando intendere che l’istituto centrale di Washington sia il principale responsabile del sell-off abbattutosi sulle Borse Usa. “La Fed sta andando fuori controllo. Non so quale sia il loro problema per cui stanno alzando i tassi d’interesse: è ridicolo”, ha dichiarato il presidente Usa a Fox News nel corso di un’intervista telefonica.
“Il problema a mio parere sono il Tesoro e la Fed. La Fed sta impazzendo e non c’è motivo per farlo. Non sono contento”, ha aggiunto. Già martedì, parlando alla Casa Bianca, Trump aveva attaccato la Fed.  G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Correlazioni in lento ripristino. Il peggio è alle spalle?

Orso in letargo da 10 anni: qual è la differenza tra l’attuale ciclo e quelli passati?

Lemanik: è iniziato il bear market

NEWSLETTER
Iscriviti
X