Mercati post-Covid, gioco di equilibrio fra rischi economici e politici

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Giugno 2020 | 15:00

Il principale rischio economico resta quello di una ripresa molto più lenta di quella che i mercati sembravano aver prospettato. E’ quanto sottolinea il team Global Fixed Income, Currency and Commodities Group di J.P. Morgan Asset Management nel suo ultimo report. Secondo alcuni segnali, i dati potrebbero aver raggiunto il punto di svolta: gli indici dei responsabili degli acquisti stanno recuperando rispetto ai precedenti minimi e gli indicatori di mobilità mostrano una timida ma diffusa ripresa dell’attività.

È quindi possibile – secondo gli analisti di J.P. Morgan AM – che i rischi economici si stiano attenuando (a questo punto senza una seconda ondata di contagi), sebbene i rischi politici comincino ad aumentare: nelle ultime settimane sono riemerse le tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina ed è probabile che, con l’approssimarsi di novembre, le elezioni presidenziali statunitensi saranno sempre di più al centro dell’attenzione. Il quadro delle politiche compensa almeno in parte questi rischi. Nelle prossime settimane si riuniranno sia la Federal Reserve che la Banca d’Inghilterra, le cui decisioni saranno scrupolosamente vagliate dai mercati per avere indicazioni sull’orientamento delle politiche monetarie. Nell’immediato, la riunione del 4 giugno della Banca Centrale Europea sarà importante per i prezzi degli attivi dell’Area; nel mentre si continuano a fare progressi sul fronte di un fondo europeo per la ripresa. È opinione diffusa che serva aumentare di 250-750 miliardi di Euro il programma temporaneo di acquisto per l’emergenza pandemica (Pepp); un mancato intervento deluderebbe fortemente i mercati, mentre un incremento significativo delle risorse sarebbe accolto con favore e produrrebbe effetti positivi sugli attivi più rischiosi, compresi i titoli di Stato dei Paesi periferici europei.

Valutazioni quantitative

La rimonta generalizzata dei mercati azionari si è estesa al reddito fisso. Le aspettative di un esito positivo dalla riunione della Bce e i primi segnali di ripresa economica hanno contribuito a far restringere gli spread dei titoli dei Paesi periferici europei rispetto ai Bund tedeschi: a maggio i differenziali di rendimento sui titoli decennali di Spagna, Portogallo e Italia si sono ridotti rispettivamente di 25, 36 e 46 punti base. Anche gli spread delle obbligazioni societarie hanno continuato a contrarsi: quelli delle emissioni europee Investment Grade hanno recuperato 69 punti base (il 44%) rispetto all’incremento di 159 punti base registrato dopo i livelli minimi pre-crisi. Uno qualsiasi dei rischi evidenziati in precedenza potrebbe innescare un nuovo ampliamento. Tuttavia, se lo status quo permane i differenziali di rendimento non potranno che ridursi (dati al 26 maggio 2020).

Fattori tecnici

Il quadro tecnico, che è in larga misura il risultato della risposta politica globale, continua a essere un fattore chiave della ripresa dei mercati. In Europa, gli acquisti della Bce continuano ad assicurare sostegno. L’attuale politica basta a impedire squilibri negli spread dei titoli dei Paesi periferici europei ma non è ancora sufficiente a indurre una contrazione significativa dei differenziali di rendimento. L’atteso aumento degli acquisti dopo la riunione di giugno sarà sufficiente ad assorbire per intero il volume netto di emissioni (sia obbligazioni che titoli a breve termine) sul mercato. Al momento, nei mercati creditizi la domanda estera di attivi statunitensi supera quella rivolta agli attivi europei, grazie soprattutto alla sensibile riduzione dei costi di copertura del dollaro statunitense, registrata nelle ultime settimane. Tuttavia, nel mercato delle obbligazioni societarie europee i fattori tecnici continuano a essere solidi, con un ritmo di emissioni societarie inferiore a quello degli Stati Uniti (+35% su base annua a fronte del +90% negli Stati Uniti).

Che cosa significa per gli investitori obbligazionari?

I mercati stanno entrando in una fase in cui i rischi fondamentali – un gioco di equilibrio tra rischi economici che si attenuano e rischi politici che aumentano – devono essere valutati alla luce della risposta politica. Un maggior peso su uno dei due piatti della bilancia provocherebbe verosimilmente un forte mutamento del clima di fiducia. Per il momento sembra che l’equilibrio tenga e questo, insieme al quadro tecnico solido, significa che gli spread potrebbero ulteriormente ridursi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, 4mila esuberi per restare in piedi

Investimenti: tranquilli, nessun aumento a breve dei tassi per la Bce

Asset allocation, Eurozona: Btp un toccasana

NEWSLETTER
Iscriviti
X