L’economista Roubini: “il bitcoin? Una valuta di m…”

A
A
A
di Stefano Fossati 9 Marzo 2020 | 18:45

L’economista statunitense Nouriel Roubini è tornato a scagliarsi contro il bitcoin, sottolineando in un tweet come la quotazione della criptovaluta sia scesa dell’8% negli ultimi giorni (cui va aggiunto un ulteriore calo di circa il 5,5% quest’oggi, ndr), a dimostrazione – afferma – che il bitcoin sia una “merdosa shitcoin” in caso di risk-off.

Come sottolinea The Cryptonomist, l’assunzione di Roubini parte dal presupposto che il bitcoin sia uno “store of value“, al pari dell’oro o di valute come il franco svizzero. Una questione che vede gli analisti divisi fra coloro che vedono la più diffusa delle criptovalute come un bene rifugio e quanti la considerano invece una mera valuta digitale, esposta a notevole volatilità.

A suffragare quest’ultima tesi sarebbero del resto le quotazioni del bitcoin dal 2014 a oggi, riportate da The Cryptonomist sulla base dei dati CoinMarketCap:

1 gennaio 2014: 771,40$
1 gennaio 2015: 314,25$
1 gennaio 2016: 434,33$
1 gennaio 2017: 998,33$
1 gennaio 2018: 13.657,20$
1 gennaio 2019: 3.843,52$
1 gennaio 2020: 7.200,17$

Non sfugge come i prezzi siano variati anche del 100% da un anno all’altro (ma anche di più, se si considera ad esempio che nel corso del 2019 il bitcoin aveva toccato anche quota 13mila dollari).

Al contrario l’oro, bene rifugio per eccellenza, nello stesso periodo ha registrato variazioni “solo” del 70%:

1 gennaio 2014: 1.202$
1 gennaio 2015: 1.184$
1 gennaio 2016: 1.060$
1 gennaio 2017: 1.151$
1 gennaio 2018: 1.309$
1 gennaio 2019: 1.281$
1 gennaio 2020: 1.523$

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Immobiliare bene rifugio contro il Covid: ecco dove si investe

L’oro cede al dollaro lo scettro di bene rifugio?

E’ il momento giusto per investire sull’oro?

NEWSLETTER
Iscriviti
X