Attenzione ai ritracciamenti se esplode il debito e la ripresa stenta

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 28 Luglio 2020 | 13:00
A cura di Ipek Ozkardeskaya, Senior Analyst di Swissquote Bank
È difficile prevedere la direzione del mercato a breve termine in condizioni così instabili. La speranza di maggiori stimoli monetari e fiscali mantiene gli investitori sulla buona strada per proseguire nell’acquisto di azioni, anche se i fondamentali delle società e la situazione economica non migliorano alla velocità desiderata. Ciò significa che i debiti governativi e aziendali stanno esplodendo senza un impatto positivo concreto su imprese ed economie. E più il tempo passa, più si accorcia il margine produrre maggiori stimoli. Quando e come questo potrebbe avere un impatto sul sentiment  del mercato non è dato sapere almeno per il momento.

Per ora, il debito americano alle stelle e le crescenti tensioni USA-Cina hanno portato il dollaro USA a un minimo di 22 mesi. L’Eur/Usd ha esteso i guadagni a 1,1781 e la coppia Gbp/Usd è stata scambiata per la prima volta in cinque mesi oltre 1,29. Pur tuttavia, le condizioni di ipercomprato del mercato suggeriscono che una correzione al ribasso ai livelli attuali non possa che essere salutare.

L’oro è salito a 1980 dollari per oncia: il dollaro debole, i rendimenti reali degli Stati Uniti che sono diventati negativi, le crescenti pressioni inflazionistiche, la possibilità di una stagflazione globale e le condizioni sfavorevoli del mercato rimangono a sostegno di un oro forte nel medio termine.

Tuttavia, il rapido aumento dei prezzi dell’oro aumenta anche il rischio di una rapida presa di profitto e una forte correzione al ribasso. L’oro ha guadagnato oltre $ 500 per oz, 34%, da marzo. C’è spazio per un ritracciamento decente.

I minatori di oro, d’altra parte, continuano a salire parallelamente ai prezzi dell’oro. Il prezzo delle azioni di Fresnillo è quasi triplicato da marzo, con il quasi raddoppio anche del titolo Anglo American. Qualsiasi correzione significativa nel metallo prezioso dovrebbe anche innescare un ritracciamento di questi titoli.

Il petrolio rimane stabile vicino ai 41 dollari al barile. Le prospettive di una più lenta ripresa della domanda di petrolio a causa della grave interruzione di molte catene di approvvigionamento e il persistente aumento dei nuovi casi Covid, combinati con un declino forse prematuro dei tagli alla produzione dell’OPEC, probabilmente limiteranno la domanda a non oltre 43,50 dollari al barile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La Brexit spinge al top l’azionario UK

Investimenti, ecco le mosse di istitutuzionali e fondi sovrani nell’era Covid

Asset allocation, nel secondo trimestre Usa ancora in pole position

NEWSLETTER
Iscriviti
X