L’ampiezza delle recessione è ancora da valutare

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 30 Luglio 2020 | 13:00

Michael Metcalfe, responsabile Global Macro Strategy di State Street Global Markets evidenzia le incertezze relative ai dati sulla contrazione della crescita negli Stati Uniti nel secondo trimestre.

“La stima anticipata del PIL statunitense nel secondo trimestre offrirà la view più completa di sempre sull’ampiezza della recessione in corso – afferma Metcalfe – i dati mensili hanno riportato un andamento piuttosto altalenante nel secondo trimestre, generando un primo round di previsioni più negative, che sono poi state corrette successivamente. La mediana, o quella che un tempo era definita come la previsione del consenso, si aggira intorno al 30%, ma il fatto che le attese si attestino mediamente al 40% spiega già tutto quello che c’è da sapere sull’incertezza relativa alla pubblicazione dei dati”.

L’ampiezza delle recessione è ancora da valutare

Fonte: State Street Global Markets, Bloomberg

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, Italia: PIL al 6,1% e c’è ancora spazio per crescere

Investimenti: le ombre sui mercati azionari

Banche, crescita repentina: +5 mld di utili in un anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X