S&P500, quali settori hanno fatto utili nel Q4

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Gennaio 2017 | 14:00

Gli analisti sono tuttora ababstanza Bullish sul mercato statunitene, tuttavia lo spazio di upside si sta restringendo. E la distanza tra le quotazioni attuali di Wall Street e i target delle principali case di investimento si assottiglia sempre di più. La media dei principali broker si attesta infatti a 2.345 punti di S&P500, con una previsione di 129 $ di utile per azione: il p/e implicito del paniere delle big cap si attesta quindi a 18,1 volte. E se per Bank of America, Credit Suisse, Goldman, Morgan Stanley e Ubs il target è di 2.300 punti, solo a Jp Morgan e SocGen si spingono fino a 2.400 punti, mentre per Rbc l’S&P500 si spingerà fino a 2.500 punti. Tutti i target sono nella tabella.
Nel frattempo però gli analisti stanno tagliando gli eps del quarto trimester 2016: negli ultimi quattro trimestri il taglio delle aspettative sugli utili (calcolati bottom-up) stando ai dati di Factset, è stato del 4,7%, leggermente sopra la media degli ultimi 20 trimestri (cinque anni) del 4,3%, ma ancora sotto quella a 10 anni (-5,6%). Utility, Finanziari, IT e Materials dovrebbero essere i settori che più contribuiranno alla crescita degli utili, service telecom, Industriali e Energy e Real estate saranno invece i settori con una crescita negativa dell’eps.  Max Malandra

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

S&P 500: una view di lungo termine che potrebbe aprire gli occhi

Mercato azionario ed easing monetario

NEWSLETTER
Iscriviti
X