Svizzera, cauto ottimismo per il 2017. Ma per Richemont fatturato +6%

A
A
A
di Finanza Operativa 12 Gennaio 2017 | 16:00

Gli analisti di Raiffeisen stimano che l’economia elvetica possa crescere quest’anno dell’1,3% e che l’inflazione tornerà a salire con un aumento dei prezzi al consumo di 0,6 punti percentuali. Resta tuttavia l’incognita legata alla persistente forza del franco svizzero. Nel dettaglio, Martin Neff, economista dell’istituto, prevede per il franco un rapporto di cambio con l’euro di 1,10 entro fine 2017.

Nel frattempo, tuttavia, Richemont (che al momento segna sul listino di Zurigo un rialzo di oltre il 7%) continua a registrare un incremento delle vendite: nel terzo trimestre dell’esercizio 2016/2017 (da ottobre a dicembre) la società ginevrina specializzata nell’alta gioielleria e orologeria ha registrato un +6% del fatturato su base annua, toccando 3,29 miliardi di franchi. A tassi di cambio costanti, la cifra d’affari del gigante del lusso è stata del 5%. Nel primo semestre vi era stato invece un calo del 12%. I Paesi che hanno aiutato la ripresa sono stati soprattutto la Cina e la Corea del Sud. A Richemont appartengono marchi come Cartier, Vacheron-Constantin e Iwc.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bfc Media approva il bilancio 2019 e lancia il progetto tv Bike Smart Mobility

Coronavirus, il lockdown costa all’Italia 47 miliardi di euro al mese

Neodecortech, nel primo trimestre aumenta il fatturato e cala il debito

NEWSLETTER
Iscriviti
X