Immobili commerciali, +30% annuo gli investimenti nel 2016

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Gennaio 2017 | 12:30

Nuovo anno record per gli investimenti immobiliari nel nostro paese. I dati JLL indicano un volume di €9.5 miliardi transati nel 2016 in immobili commerciali, segnando così un incremento del 30% rispetto al 2015.

Il mercato milanese ha giocato un ruolo fondamentale nel raggiungimento di questo risultato grazie alla sua capacità di attrazione di capitali nel settore office, che con €3.7 miliardi si conferma come il più ricercato dagli investitori, e in quello retail high-street. La fiducia degli investitori è stata anche corroborata dalla crescita registrata nei livelli dei canoni di locazione nei settori office e high-street, attuale e prospettica, che hanno supportato la compressione registrata nei tassi di rendimento e il dinamismo del mercato investimenti.

Il fenomeno positivo ha comunque interessato l’intera regione lombarda considerando le transazioni in ambito logistico, settore che ha toccato il suo picco positivo storico con €622 milioni investiti.

L’evoluzione del mercato italiano si manifesta sia nel volume record di investimenti sia nella riconoscibilità di segmenti con velocità e dinamiche sempre più diversificate; elementi questi a supporto della view positiva di JLL per il prossimo futuro.

Commenta Pierre Marin, CEO di JLL Italia: “Riteniamo che il trend positivo del mercato proseguirà anche nel prossimo futuro. Il coinvolgimento di JLL nelle principali transazioni del 2016 in tutti i settori, oltre al portafoglio di operazioni che stiamo seguendo e che si svilupperanno nei prossimi mesi, ci offrono un osservatorio privilegiato sull’andamento del settore immobiliare in Italia e ci consentono di guardare con fiducia al nuovo anno.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Immobili commerciali, in calo gli investimenti in Italia nel primo semestre

Immobiliare commerciale: 1,5 miliardi investiti nel primo trimestre in Italia

Né banche, né debito pubblico, la prossima crisi arriverà da…

NEWSLETTER
Iscriviti
X