Pir anche per le pensioni

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 15 Marzo 2017 | 14:00

La detassazione dei redditi derivanti da investimenti nell’economia reale, prevista dalla legge di bilancio 2017 per i fondi pensione e le casse previdenziali, rappresenta per Assoprevidenza un passo utile per il Paese.

“Con questo provvedimento – ha affermato oggi il Presidente Sergio Corbello nel corso di un incontro con i giornalisti – da una parte si indirizzano risorse importanti verso l’economia produttiva, dall’altra ci si avvicina alla normativa fiscale europea, che non prevede tassazione per i redimenti dei fondi pensione e delle casse professionali”.

La legge 232/2016 prevede un regime fiscale agevolato per i redditi di fondi pensione e casse di previdenza dei professionisti conseguiti a seguito di investimenti in azioni o quote di imprese residenti in Italia o nell’Unione Europea ma con stabile organizzazione in Italia.

Gli investimenti potranno essere diretti o attraverso strumenti collettivi del risparmio gestito come fondi di investimento o sicav, che dovranno essere anch’essi residenti in Italia o nella UE. Gli investimenti dovranno essere mantenuti per almeno cinque anni. La quota massima dell’attivo patrimoniale che potrà beneficiare della detassazione è il 5%, calcolato al 31/12 dell’esercizio precedente. In questa ottica sarebbe interessante anche l’eventuale utilizzo dei PIR da parte di fondi pensione e casse professionali, semplificando l’accesso degli investitori previdenziali all’economia reale. Questa ipotesi comporta un intervento legislativo di carattere correttivo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Assoprevidenza: “No al bail in anche per casse sanitarie e fondazioni bancarie”

Anche i fondi pensione vogliono i Pir

NEWSLETTER
Iscriviti
X