S&P: Il default delle emittenti speculative eruopee resterà sul 2%

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Marzo 2017 | 15:00

a cura di S&P Global Ratings

S&P Global Ratings ha emesso un report sul grado di default delle emittenti speculative-grade europee. Ecco i principali highlights:

  • A nostro avviso il tasso di default (c.d. trailing default rate) a 12 mesi per le emissioni obbligazionarie speculative-grade delle società europee rimarrà a circa il 2,0% fino alla fine del 2017. In questo scenario, sono 13 le emittenti a rischio default nel periodo considerato. Questa previsione rimane ben al di sotto del tasso medio di default, pari al 3,3%, rilevato tra gennaio 2002 e dicembre 2016.
  • Alcune statistiche aggregate relative alla performance del credito hanno recentemente mostrato modesti segnali di miglioramento. Per esempio, il rating bias negativo per le imprese speculative-grade europee era pari al 16,3% a fine 2016, in calo dal 17,0% dell’anno precedente.
  • Tuttavia, la percentuale degli emittenti speculative-grade provvisti di rating “CCC / C” è salita al 7,6% a fine 2016, dal 6,5% del trimestre precedente e dal 4,8% di fine 2015.
  • La segmentazione per settore rivela una significativa polarizzazione. In particolare il settore oil &gas (esplorazione e produzione) mostra un rating bias molto negativo, ben al di sopra della media di lungo periodo, contrariamente alla maggior parte degli altri settori.
  • L’emissione di debito corporate in Europa valutato come speculative-grade ha chiuso il 2016 a un livello leggermente più elevato rispetto all’anno precedente, in crescita del 5%, a circa € 115 miliardi di euro. Si è verificato anche un ulteriore lieve aumento della percentuale di emissioni con rating “B-“ e inferiore – che sono salite al 9% nel quarto trimestre – suggerendo una potenziale minore avversione al rischio tra gli investitori.
  • A fine 2016, le imprese europee avevano un debito pari a 536 miliardi di euro, che abbiamo considerato speculative-grade, in scadenza nel 2021, e le tendenze delle emissioni recenti potrebbero sostenere con successo il rifinanziamento, riducendo la propensione al default.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X