M&A, nel 2020 pochi affari ma di peso

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Febbraio 2021 | 15:16

Il volume di M&A è cresciuto in Italia nel 2020, ma solo per affetto di alcune operazioni rilevanti e di importo superiore al miliardo (come l’acquisizione di Ubi Banca da Intesa Sanpaolo). Senza quelle, infatti, l’ammontare transato si è abbattuto di circa il -24,8%. Dalla scorsa estate il mercato si è parzialmente risvegliato, anche se il 2021 sarà caratterizzato da spinte contrapposte tra acquirenti e venditori, con molti punti interrogativi sulla solidità delle nuove operazioni. È quanto emerge dal report firmato da Ernst & Young dal titolo “Nuova analisi EY sui trend M&A: le attività di aggregazione e investimento in Italia nel 2020 e le opportunità per la ripartenza nel 2021” (clicca qui per leggere il report completo).

Nella prima metà del 2020, per effetto del primo lockdown imposto in Italia e nelle principali economie avanzate da marzo a maggio a causa del propagarsi del Coronavirus, l’attività M&A in Italia ha subìto una battuta d’arresto, registrando il valore aggregato delle acquisizioni più basso dalla crisi finanziaria del 2008 (circa € 16,6 miliardi per 219 deal). A partire da luglio abbiamo però assistito ad una buona ripresa e il totale investito nel nostro Paese nel corso del 2020 considerando, da un lato, investimenti nelle aziende (M&A) e investimenti istituzionali nel settore immobiliare (Commercial Real Estate) è da noi stimato in circa € 48 miliardi, in linea con il 2019.

Dal punto di vista M&A, il volume investito in Italia è da EY stimato in € 39 miliardi, in lieve crescita (+6%) rispetto al 2019. Il dato è stato trainato da alcune rilevanti operazioni di controvalore superiore a € 1 miliardo, specie nel settore finanziario. Epurando il dato da tali operazioni, quindi concentrando l’attenzione sui deal nel cosiddetto Mid Market, il dato è certamente meno positivo, con una riduzione dell’ammontare transato nel 2020 di circa il – 24,8% anno su anno.

Le società italiane operanti nei vari settori, assorbite dall’emergenza sanitaria, si sono inizialmente concentrate sul monitoraggio della liquidità, sulla gestione dei rapporti di fornitura e delle procedure di working from home, posticipando i piani di M&A. I fondi di Private Equity, focalizzati sul garantire un’adeguata liquidità alle portfolio companies per renderle più resilienti nel periodo di transizione, hanno rimandato i piani di acquisizione e interrotto le negoziazioni e i processi di cessione in corso a febbraio 2020. Tuttavia, da luglio in poi, si è assistito a una ripresa significativa dell’attività transazionale, incluse operazioni di grandi dimensioni eccedenti il valore di € 1 miliardo. Nella seconda metà del 2020 si sono registrate ben 300 transazioni con target italiane, per un valore aggregato di circa € 22,4 miliardi.

Il numero delle transazioni nel 2020 è risultato in calo in vari settori, in primis in quei settori tipici del Made in Italy che più sono stati penalizzati dall’effetto delle restrizioni anti-Covid e dal clima di sfiducia di consumatori e imprese, quali Retail, beni di consumo non alimentari, prodotti e macchinari industriali. Altrettanto impattati i comparti trasporti, outdoor e tempo libero e costruzioni, per cui le imprese sono risultate meno appetibili per investitori strategici e finanziari. Il settore dei servizi finanziari è risultato il più performante per valore aggregato di acquisizioni (€ 13,7 miliardi), trainato dalla fusione di UBI Banca in Intesa Sanpaolo, che diventa quindi il settimo gruppo bancario dell’Eurozona per fatturato e il terzo per capitalizzazione di Borsa.

Il Private Equity si conferma un attore fondamentale per l’M&A in Italia, avendo realizzato circa il 35% delle transazioni avvenute nell’anno. Durante l’anno i fondi di Private Equity e i fondi infrastrutturali, soprattutto esteri, hanno concluso circa 117 operazioni di buy-out su target italiane per un valore aggregato di € 10 miliardi. Il valore, nonostante l’impatto del Covid-19, si conferma in linea con la media del periodo 2015-2019. I fondi si sono concentrati sugli investimenti nei settori più difensivi e resilienti alla crisi, quali infrastrutture digitali e fisiche, energia, farmaceutico, healthcare, agroalimentare, packaging.

Nel corso del 2020 una nuova asset class di investimento, nel radar dei fondi di PE, si è rivelata per il suo potenziale ed è rappresentata dalle squadre professionistiche di calcio. Anche questo settore è stato fortemente impattato dalle misure di contenimento della propagazione del virus, con stop al campionato e la chiusura al pubblico degli stadi, determinando una consistente riduzione di ricavi da ticket e mettendo anche in discussione gli accordi in essere sui diritti televisivi. La proposta del fondo CVC di creare una partnership con Lega Serie A per la costituzione di una cosiddetta MediaCo finalizzata ad una più efficace valorizzazione degli asset delle squadre, in primis i diritti televisivi, ha fatto emergere come anche nel nostro Paese possa avviarsi una profonda trasformazione del settore, attirando nuovi capitali, specie internazionali (come nei casi della AS Roma e del Parma Calcio). Tenendo conto di alcune tensioni finanziarie nel sistema, dovute al raffreddamento del trading player e della riduzione di incassi da ticket, e tenendo conto del crescente interesse dei fondi di PE, si attende una crescita dell’attività M&A in questo settore.

Marco Daviddi, Mediterranean Leader dell’area Strategy and Transactions di EY, commenta: “Nonostante l’outlook moderatamente positivo per l’attività M&A in Italia, nel 2021 il mercato sarà caratterizzato da spinte contrapposte, tra acquirenti e venditori, con molti punti interrogativi sulla solidità della pipeline di nuove operazioni. L’effetto combinato di riduzione di ricavi e di crescente indebitamento pone in maniera forte il tema della solidità patrimoniale delle imprese, già caratterizzate, storicamente nel nostro Paese, da dimensione contenuta e limitata disponibilità di capitale. Tutto questo in un contesto che rende ancora più urgenti interventi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, specie per quanto riguarda canali di vendita, supply chain e processi di re-skilling del personale. I fondi potranno avere un ruolo determinante se saranno in grado di strutturare operazioni più complesse rispetto al passato e ci aspettiamo anche una sensibile ripresa della raccolta di capitali sui mercati regolamentati”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, M&A pronto all’ascesa nel 2021

Mercati, preparatevi al boom M&A

Nel 2020 operazioni di M&A in Italia in crescita del 37% a 75,6 miliardi di dollari

NEWSLETTER
Iscriviti
X