L’automotive mette il freno all‘Europa

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Settembre 2019 | 13:00

A cura di Alistair Wittet, Gestore del fondo Comgest Growth Europe di Comgest

Nel mese di luglio i mercati azionari europei sono stati tenuti in sospeso dalle continue tensioni commerciali sul piano globale, dall’incertezza sulla Brexit e dal rischio geopolitico nella regione del Golfo. Inoltre, l’attività economica dell’Eurozona si è raffreddata nel secondo trimestre: il settore dei servizi è cresciuto, ma il manifatturiero ha risentito delle incertezze politiche e commerciali. Anche se non su tutta la linea, c’è stato un deterioramento degli indicatori di crescita economica. La fiducia dei consumatori nell’area euro è leggermente migliorata, ma l’indicatore sul contesto dell’imprenditoria è notevolmente peggiorato.

Negli Stati Uniti, la crescita economica ha segnato un rallentamento, andando a favorire un nuovo allentamento monetario su entrambe le sponde dell’Atlantico. A livello societario, un buon terzo delle imprese europee ha già pubblicato i risultati del primo semestre, confermando il graduale calo della crescita degli utili nel 2019. I produttori di automobili, tecnologia, hardware e materiali sembrano i maggiormente colpiti dal contesto macroeconomico e hanno registrato un calo degli utili, mentre i settori più difensivi hanno continuato a crescere, tendenza che si è riflessa anche nei risultati di settore.

I titoli sotto la lente

Nonostante l’indebolimento della domanda di semiconduttori, Asml ha macinato vendite e utili del secondo trimestre che hanno battuto le aspettative e ha confermato la guidance per l’intero anno, prevedendo una crescita significativa nel settore per il secondo semestre. Asml continua a potenziare la produttività delle proprie macchine per litografia Euv, incrementando le probabilità di successo commerciale.

Invece, EssilorLuxottica ha riportato un aumento pro-forma del 7,3% delle vendite nel primo semestre: una crescita dei ricavi del 3,9% a tassi di cambio costanti implica una leggera accelerazione nel secondo trimestre, e il management ha confermato le aspettative di una seconda parte dell’anno più dinamica. Ha inoltre annunciato il piano di acquisizione per 8 miliardi di euro di GrandVision, il principale rivenditore di ottica in Europa. Le vendite relative al primo semestre di Sika sono cresciute del 7,6%, grazie all’acquisizione di Parex, ma la crescita organica è rallentata ad appena l’1,6% nel secondo trimestre, a causa di meno giornate di negoziazione in Europa e della debole domanda nel settore auto. Il margine di profitto è aumentato in quanto l’inflazione dei prezzi delle materie prime dello scorso anno è stata trasferita sui clienti.

Sap ha dovuto registrare una crescita più lenta nel secondo trimestre per quanto riguarda il segmento cloud e manutenzione oltre a un calo del 6% nelle vendita di licenze, e il margine di profitto non è progredito. Nel complesso, una crescita continua e dinamica delle vendite organiche resta l’unico motore sostenibile per gli utili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: tre azioni per approfittare della ripartenza

Digitalizzazione, opportunità di investimento nei semiconduttori: ecco quali

Trimestrali, i consumi in Europa tornano a crescere

NEWSLETTER
Iscriviti
X