Exor al test della trendline discendente di medio termine

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 6 Settembre 2019 | 16:00

Exor è salita fino a testare in area 65 euro la trendline discendente che dallo scorso maggio impedisce ai corsi di aggiornare i massimi assoluti. Certo, tutti gli indicatori tecnici sono ormai prossimi alla zona di ipercomprato. Tuttavia, l’incremento degli scambi giornalieri e, soprattutto, i nuovi rumors di un accordo Fca-Renault mantengono il titolo sugli scudi a Piazza Affari.

I prossimi obiettivi tecnici di Exor

Operativamente, al rialzo i prossimi target sono individuabili in prima battuta a 66,45 euro (top di maggio e storico) e in seguito, eventualmente dopo una fase laterale di consolidamento di breve periodo, in zona 68/68,50 euro. Di fondamentale importanza però posizionare uno stop loss a quota 64.   G.R.

Il trend di medio-lungo termine di Exor

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il Fib alle prese con la media mobile a 25 giorni

Ftse Mib in stand-by. Quattro big cap italiane sotto la lente

Enel tenta un rimbalzo da supporto statico. I prossimi target

NEWSLETTER
Iscriviti
X