“Bce, il 12 settembre tagli inferiori alle attese”. Le previsioni di Pimco

A
A
A
di Stefano Fossati 9 Settembre 2019 | 12:30

“Per il 12 settembre (giorno in cui è prevista la riunione della Bce che deciderà su una nuova tornata di tagli ai tassi di interesse, ndr) ci aspettiamo un taglio di 10 punti base del tasso di deposito a -0,5%, tiering, un tasso di rifinanziamento principale invariato allo 0% e 30 mld/m di acquisti di attività nette per 6-9 mesi”. E’ la previsione di Andrew Bosomworth, Head of portfolio management in Germania di Pimco.

Secondo l’esperto, mentre i tassi a termine determinano una riduzione del tasso di deposito a -0,8% entro la fine del 2020, la Bce agirà probabilmente più lentamente delle aspettative del mercato nel realizzare ulteriori tagli, in attesa di prove su: effetti collaterali del tasso negativo sui depositi, l’efficacia del tiering, la capacità fiscale e la disponibilità dei governi ad agire, nonché gli sviluppi macroeconomici e geopolitici complessivi.

La politica monetaria è esaurita e sta perdendo la sua efficacia“, prosegue Bosomworth. “Inoltre continueranno a esserci un basso livello dei tassi d’interesse e dei rendimenti negativi, a meno che la politica fiscale non diventi più espansiva. Ulteriori riduzioni dei tassi di interesse al di sotto dello zero potrebbero addirittura mettere a repentaglio la stabilità del sistema finanziario”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, 4mila esuberi per restare in piedi

Investimenti: tranquilli, nessun aumento a breve dei tassi per la Bce

Asset allocation, Eurozona: Btp un toccasana

NEWSLETTER
Iscriviti
X