Le banche centrali rinnovano lo spirito dovish

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 5 Luglio 2019 | 14:30

Il discorso di Mario Draghi a Sintra non ha lasciato dubbi sulla volontà della Banca Centrale Europea di allentare ulteriormente la politica monetaria. L’inflazione core all’8% e le prospettive economiche dell’Eurozona non sono motivi di ottimismo. Secondo Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM, l’ostacolo a un’azione della Bce è abbastanza basso: soltanto la mancanza di miglioramenti sul fronte dell’inflazione, piuttosto che un peggioramento, costituirebbe una causa sufficiente. L’eco del messaggio di Draghi è stato ulteriormente amplificato quando ha ribadito la natura simmetrica del target di inflazione della Bce, confermando che l’Istituto di Francoforte non si rassegna a un’inflazione bassa nel medio termine.

“Ci aspettiamo adesso che la Bce rafforzi la sua forward guidance collegando la politica monetaria alle prospettive di inflazione della zona euro, e riteniamo possibile un taglio di 10 punti base del tasso sui depositi a -0,50% nella riunione del 12 settembre, oltre all’esenzione di parte del surplus delle riserve delle banche commerciali dai tassi negativi che attualmente le portano a pagare alla Bce più di 7 miliardi di euro all’anno”, prosegue Jung, sottolineando che questa mossa ha anche il sostegno dell’ex capo economista della Bce. I nuovi acquisti di attività e l’allentamento del limite per emittente saranno probabilmente presi in considerazione solo in un momento successivo.

Negli Stati Uniti, evidenzia l’economista, anche la Federal Reserve dovrebbe tagliare i tassi di 25 punti nel mese di luglio, sebbene la situazione sembri meno urgente. Il settore servizi è ancora solido e il mercato del lavoro non mostra segnali di rallentamento, ma il comprato manifatturiero continua a rallentare. Inoltre, sta aumentando il rischio che le aspettative di inflazione a lungo termine si stiano disancorando, come dimostra il calo dei tassi swap sull’inflazione di 30 pb dall’inizio di maggio. Tuttavia, la Fed non sta ancora anticipando la fine dell’espansione economica e non ha avviato un nuovo round di tagli dei tassi. Una riduzione dei tassi ufficiali sarebbe di natura preventiva, finalizzata a estendere la crescita economica in un contesto di elevata incertezza e inflazione moderata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce: acquisti invariati, la spesa fiscale determinerà la crescita

Mercati, Bce: le previsioni di analisti e gestori

Bce, analisi Trim: le banche hanno sottovalutato i rischi

NEWSLETTER
Iscriviti
X