Salini Impregilo-Astaldi, i dettagli della nuova offerta

A
A
A
di Stefano Fossati 17 Luglio 2019 | 10:45

Il CdA di Salini Impregilo ha deliberato una nuova offerta da presentare ad Astaldi alla luce dell’aggiornamento del piano concordatario della società. Come evidenziano gli analisti di Equita Sim, rispetto all’offerta presentata lo scorso 13 febbraio, gli elementi di novità sono:
-nel perimetro dell`offerta vengono incluse l`attività di facility management e alcune concessioni di piccola dimensione che sottendono attività di EPC;
-la presenza di warrant anti-diluitivi da assegnare a Salini Impregilo e di warrant premiali da assegnare alle banche che finanzieranno le esigenze di cassa interinale di Astaldi.

Vengono confermati gli altri elementi (aumento di capitale da 225 milioni in Astaldi riservato a Salini, liquidazione degli asset non core a integrale beneficio dei creditori di Astaldi e assegnazione ai creditori di azioni di Astaldi per beneficiare della continuità del ramo EPC).

Inoltre, dal comunicato emergono alcune conferme rispetto alle indiscrezioni di stampa delle ultime settimane relative al Progetto Italia:
– l’aumento di capitale di Salini Impregilo sarà di 600 milioni di cui 50 milioni sottoscritto da Salini Costruttori, 250 milioni da Cdp, 150 milioni dalle banche e 150 milioni dal mercato con consorzio di garanzia formato da Merrill Lynch e Citybank;
– è prevista l’erogazione di linee di credito sia a Salini Impregilo (200 milioni) sia ad Astaldi (584 milioni) a supporto dell`esigenze di cassa nella fase di esecuzione dell`operazione e per l’implementazione del Progetto Italia;
– è prevista l’estensione delle scadenze di alcuni finanziamenti bancari erogati a Salini Impregilo.

Salini ha inoltre annunciato di aver ricevuto delle comfort letters non vincolanti per il proseguimento delle trattative da parte di Cdp e di istituti bancari e finanziari, tra cui Sace, UniCredit, Intesa Sanpaolo, BNP Paribas, Banco BPM, MPS e Illimity.

Il nuovo termine per la sottoscrizione degli accordi vincolanti con la Cdp e gli istituti finanziari a supporto del Progetto Italia è stata fissata al 1 agosto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Ftse Mib di fronte a un bivio

Settore costruzioni, verso lo sblocco di infrastrutture per 30 miliardi: ecco le società più esposte

Da Salini Impregilo a Webuild, per scommettere sulla ripartenza dell’Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X