Grecia, ricche ricompense dalle obbligazioni

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 23 Luglio 2019 | 14:00

All’inizio dell’Eneide, Publio Virgilio Marone ha notoriamente dichiarato al mitico indovino troiano Laocoonte: “Qualunque cosa sia, temo i greci anche quando vengono a portare doni“, il che forse dimostra che non sempre ci si deve fidare degli indovini. Gli investitori in titoli di Stato greci, che hanno adottato un approccio altrettanto cauto dopo l’inizio della crisi del debito dell’Eurozona, negli ultimi anni hanno guadagnato buoni utili.

Già nel 2012, al culmine dei timori della rottura con l’Eurozona, gli investitori sono stati costretti a scambiare le loro obbligazioni con obbligazioni con scadenze molto più lunghe. E per fortuna. Per quelli che hanno mantenuto la calma, la ristrutturazione del debito greco non si è rivelata un cavallo di Troia, rovinando il resto dell’Eurozona. Sotto la guida del primo ministro uscente Alexis Tsipras, negli ultimi anni la Grecia si è addirittura trasformata in un eroe del mercato obbligazionario. In parte, questo ha rispecchiato i sondaggi che indicavano nei mesi precedenti le elezioni legislative di luglio una presa di potere da parte del centro-destra. Dopo aver vinto con quasi il 40% dei voti, Kyriakos Mitsotakis, il nuovo primo ministro, si è impegnato ad attuare ulteriori riforme del mercato.

Tuttavia, gran parte di quella speranza sembra già “prezzata”, compreso il signor Mitsotakis che resta attaccato all’austerità che il signor Tsipras è stato infine costretto ad accettare. Il “Chart of the Week” di Dws mostra il prezzo delle obbligazioni della Grecia che giungono a scadenza nel febbraio 2042 – le più vecchie della ristrutturazione del debito del 2012. Il loro valore è quintuplicato. Il loro rendimento, che ha raggiunto il 25% nell’estate del 2012, è ora inferiore al 4%. La settimana scorsa la Grecia è riuscita a collocare un’obbligazione a sette anni con un rendimento inferiore al 2%.

La vittoria di Mitsotakis potrebbe rivelarsi più fragile di quanto sembri. La sua sorprendente maggioranza parlamentare è dovuta esclusivamente a un bonus di 50 posti assegnati al più grande partito. E ora, all’opposizione, il signor Tsipras potrebbe rivelarsi un temibile avversario. A nostro avviso, il signor Mitsotakis godrà senza dubbio di “una luna di miele”, con grandi aspettative per alcune prime vittorie. I sondaggi potrebbero migliorare ulteriormente, dato che la Grecia sembra destinata a vivere un’altra estate di successo per il turismo. Dirigendosi verso la discesa, tuttavia, gli investitori potrebbero voler ricordare che le epiche lotte della Grecia per risanare le finanze pubbliche potrebbero essere lontane dall’essere terminate e che la strada per arrivare al 2042 è ancora lunga…

L’andamento dei titoli di stato della Grecia

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i bond evitano la febbre gialla. Le nuove emissioni sotto la lente

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Obbligazioni: nuove emissioni sotto il segno del green

NEWSLETTER
Iscriviti
X