Fondi azionari italiani a gestione attiva, l’81% ha sottoperformato il benchmark

A
A
A
di Stefano Fossati 8 Ottobre 2019 | 15:30

Sono stati pubblicati i risultati semestrali della S&P Indices Versus Active Funds (Spiva) Europe Scorecard – Mid-Year 2019 che analizzano la performance dei fondi a gestione attiva a fronte dei rispettivi benchmark.

Per il periodo terminato il 30 giugno 2019, la scorecard indica questi risultati.

– Fondi azionari italiani: nell’arco di un anno, l’81% dei fondi azionari italiani a gestione attiva ha sottoperformato l’S&P Italy BMI. Questo dato scende al 70% su un orizzonte decennale.

I fondi attivi che hanno investito in azioni italiane hanno realizzato un rendimento medio ponderato per gli attivi inferiore del 3,33% all’S&P Italy Bmi su un anno, ma superiore dello 0,28% se annualizzato su dieci anni. Il rendimento medio ponderato per gli attivi indica la performance di un investitore medio e attenua l’influenza dei fondi di minori dimensioni.

“Le nette flessioni registrate dai mercati azionari alla fine del 2018 sono state accompagnate dalla generale sottoperformance di molti fondi attivi europei, contestando la convinzione comune che i gestori attivi tendano a essere avvantaggiati nei mercati volatili. Nonostante il miglioramento dei mercati nella prima metà del 2019, i gestori attivi non sono stati complessivamente in grado di recuperare terreno”.

Il 90% dei fondi attivi europei ha sottoperformato i rispettivi benchmark tra la metà del 2018 e la metà del 2019. Nel periodo in rassegna, il rendimento ponderato per gli attivi del gruppo è stato negativo, mentre il benchmark dell’S&P Europe 350 ha segnato un rialzo del 5,3%.

– Fondi azionari europei: il 90% dei fondi azionari paneuropei a gestione attiva denominati in euro ha reso meno dell’S&P Europe 350 nell’arco di un anno. Questa quota sale al 78% e all’88% su un orizzonte quinquennale e decennale.

– Fondi azionari statunitensi: l’84% dei fondi azionari statunitensi a gestione attiva denominati in euro ha reso meno dell’S&P 500 nell’arco di un anno. Questa quota sale al 92% e al 98% su un orizzonte quinquennale e decennale.

– Fondi azionari globali: l’87% dei fondi azionari globali a gestione attiva denominati in euro ha sottoperformato l’S&P Global 1200 nell’arco di un anno. Questa quota sale al 94% e al 99% rispettivamente su un orizzonte quinquennale e decennale.

– Fondi dei mercati emergenti: il 58% dei fondi azionari dei mercati emergenti a gestione attiva denominati in euro ha reso meno dell’S&P/IFCI nell’arco di un anno. Questa quota sale al 91% e al 95% rispettivamente su un orizzonte quinquennale e decennale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf e fondi, un solido inizio d’anno

Fondi azionari, top & flop di gennaio secondo Morningstar

Top 10 Bluerating: Gold Bullion svetta sull’oro

NEWSLETTER
Iscriviti
X