Euro/Dollaro al test della resistenza statica di breve dopo la Fed

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 31 Ottobre 2019 | 10:30

La decisione della Fed di tagliare i tassi Usa e i dati sul Pil a stelle e strisce hanno indebolito il biglietto verde a favore della moneta unica: l’Eur/Usd ha infatti completato un movimento a “V” di breve termine tornando a testare la resistenza statica a quota 1,118. Un ostacolo che però, dato lo scenariomacro, il sentiment degli operatori e il quadro tecnico del cambio, ha buone probabilità di essere oltrepassato rapidamente.

I prossimi target tecnici dell’Euro/Dollaro

In quest’ottica, dal punto di vista operativo, oltre la resistenza a 1,1180 i successivi target tecnici del cambio sono individuabili prima a 1,125, poi in zona  1,1320 e ancora a ridosso di 1,350. Per contro, l’eventuale ritorno al di sotto di quota 1,110 innescherebbe una nuova correzione con obiettivi a 1,1050 e poi in area 1,100.   G.R.

Il trend dell’Euro/Dollaro nel medio periodo

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Euro in cerca di un valido livello supporto nel cambio contro dollaro

Mercati, dollaro e petrolio gli unici vincitori dopo le parole di Powell

Valute, l’euro index accusa un calo di volatilità

NEWSLETTER
Iscriviti
X