Fee only, il 2021 parte con il giusto piede

A
A
A
di Redazione 10 Marzo 2021 | 10:52

Come avevamo avuto modo di chiarire con un’analisi puntuale, il 2020 è stato l’anno del consolidamento per il settore fee only in Italia.

La fotografia al 31 dicembre 2020 del settore vedeva 351 professionisti divisi in 308 autonomi e 43 scf. Tra gennaio e febbraio del 2021 sono 15 i nuovi volti degli autonomi ai quali si aggiunge una nuova scf. Numeri che sostanzialmente ricalcano i 14 ingressi tra gennaio e febbraio 2020. Tenendo conto anche della cancellazione di un autonomo a febbraio, il totale dei professionisti arriva a 366 elementi, più nel dettaglio 322 autonomi e 44 scf.

Numeri alla mano, si conferma quindi il trend di consolidamento di un settore che, sebbene non possa numericamente competere con quello dei consulenti abilitati all’offerta fuori sede, vuole sempre più affermarsi come un’alternativa di valore al classico modello di advisory offerto dal mondo delle banche-reti italiane.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

NEWSLETTER
Iscriviti
X