Azioni Aim, AbitareIn: l’ampliamento dell’offerta migliora l’outlook

A
A
A
di Redazione 17 Marzo 2021 | 13:05

AbitareIn, realtà leader nello sviluppo residenziale milanese, ha completato lo scorso 1° marzo il passaggio al MTA, segmento STAR, portando a termine con successo l’esperienza sul mercato AIM Italia. Un percorso iniziato l’8 aprile 2016 e che ha visto il titolo registrare un rialzo complessivo del 222% rispetto al prezzo di collocamento. I piani di crescita delineati dal CEO Marco Grillo mostrano oggi un ampliamento dell’offerta su Milano e il prosieguo delle strategie di innovazione tecnologica e di rafforzamento del brand. L’approdo al MTA permetterà di aumentare il parterre degli investitori istituzionali e internazionali, incrementando contemporaneamente la liquidità del titolo, che, secondo le indicazioni degli analisti, presenta ancora un potenziale rialzista da esprimere (upside di circa il 22%). Ecco di seguito l’analisi di Market Insight.

        1. Le priorità strategiche dopo il passaggio al segmento STAR
        2. Ampliare l’offerta su Milano con una nuova gamma di soluzioni per l’abitare
        3. Portare ulteriore innovazione tecnologica
        4. Consolidare il Brand AbitareIn
        5. Evoluzione del prodotto casa e scenario di mercato
        6. Ultimi risultati, Esercizio chiuso il 30 settembre 2020
        7. Le proiezioni per l’esercizio 2020-2021
        8. Borsa e stime degli analisti

Il passaggio al MTA, con qualifica STAR, rappresenta un’ulteriore milestone messa a segno da AbitareIn che potrà aumentare la sua visibilità presso investitori istituzionali e internazionali, potendo contare anche sul fatto di essere l’unica realtà di Piazza Affari attiva nel settore dello sviluppo residenziale.

Un mercato definito “Home Construction” dalla borsa di Londra, dove ha raccolto un enorme interesse raggiungendo una capitalizzazione complessiva superiore ai 47 miliardi di sterline e segnando ad oggi un progresso del 2800% dal picco negativo del 2008.

La casa rappresenta a tutti gli effetti un prodotto di consumo. È in questa visione strategica che trova spiegazione la notevole resilienza mostrata nel 2020 dal settore residenziale che, nonostante le iniziali preoccupazioni innescate dall’emergenza sanitaria, ha superato egregiamente la prova Covid-19 con numeri in forte crescita, come dimostrano i diversi studi di mercato.

Le analisi settoriali e l’andamento dei progetti AbitareIn “hanno ribadito la centralità dell’acquisto della casa e di Milano quale città tra le più interessanti e attrattive a livello globale”.

La prolungata esperienza del lockdown ha rinnovato infatti l’importanza per le famiglie di avere una casa dotata di ambienti dedicati allo studio, al lavoro ma anche di ampi spazi aperti, sposando perfettamente le peculiarità dell’offerta tailor made di AbitareIn che da sempre ha messo al centro del suo progetto la flessibilità e la personalizzazione del prodotto casa.

Pertanto, le prospettive di crescita della società guidata da Luigi Gozzini e Marco Grillo sono rimaste pressoché inalterate, ritardando solamente al 2022 parte dei ricavi attesi nell’esercizio in corso. In più occasioni l’amministratore delegato ha sottolineato come l’emergenza Covid abbia “accelerato e amplificato una serie di cambiamenti già in corso che porteranno anche ad un incremento generalizzato dei prezzi di vendita, considerando il gap tra domanda e offerta osservabile”.

Per quanto riguarda le strategie future, AbitareIn intende cogliere in modo più ampio le diverse possibilità offerte dal mercato milanese, allargando l’offerta sulla città meneghina con l’innovativo progetto Homizy, dedicato al co-living per i cosiddetti ‘young professional’, oltre ad affacciarsi verso un segmento di mercato ‘smart’ con un entry level più basso rispetto all’attuale target di riferimento.

L’innovazione resterà un elemento fondante nei piani di sviluppo del gruppo che fin dallo sbarco a Piazza Affari si è distinto per un approccio fortemente tech-oriented, data anche la provenienza dei fondatori Grillo e Gozzini, e che intende accelerare ora in tale approccio dopo il lancio della prima piattaforma al mondo per l’e-commerce della casa.

Tra gli altri obiettivi, il CEO ha indicato anche il rafforzamento del Brand AbitareIn che potrà sicuramente giovare dalla quotazione sul mercato STAR, incrementando il proprio appeal e l’esposizione estera del titolo. Le manifestazioni di interesse e le raccomandazioni di acquisto dagli analisti sono confermate con un prezzo obiettivo medio di 58,88 euro che evidenzia un potenziale rialzista del 22% rispetto ai corsi attuali del titolo.

Le priorità strategiche dopo il passaggio al segmento STAR

“Nel raggiungimento dei nostri obiettivi di piano intendiamo aumentare ulteriormente l’offerta su Milano, portare avanti quell’innovazione tecnologica che ha da sempre contraddistinto la nostra realtà e proseguire nel rafforzamento del brand AbitareIn”.

Sono queste le priorità strategiche delineate da Marco Grillo, Co-Founder e CEO di AbitareIn, società leader nello sviluppo residenziale milanese, pronta ad accelerare i propri piani di sviluppo dopo essere approdata sul MTA con la qualifica di emittente STAR.

Un passaggio dovuto ma non scontato, precisa Grillo, “soprattutto nei tempi e nelle modalità del translisting, raggiunto con una dimensione totalmente diversa rispetto a circa cinque anni fa, quando siamo approdati sul mercato AIM Italia, potendo contare oggi su una pipeline di sviluppo da 18 operazioni per 2.660 appartamenti (1,13 mld euro) e un portafoglio ordini di 605 unità abitative per un ammontare pari a 228 milioni”.

Clicca qui per continuare a leggere l’analisi di Market Insight su AbitareIn.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azioni Star, AbitareIn: pronta all’accelerazione post-Covid. L’analisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X