Mercati asiatici: il sorpasso

A
A
A
di Redazione 4 Giugno 2008 | 08:42
Faccio una premessa. E’ da qualche giorno che vi parlo dell’imposta sui profitti (windfall tax) che il Governo Blair introdusse nel 1997 sulle società privatizzate da Margaret Thatcher in seguito a una revisione della regolazione che aveva evidenziato la presenza di notevoli extra-profitti nei servizi di pubblica utilità, ed ecco comparire la Robin Hood Tax: “Tassare le compagnie petrolifere per ridistribuire i super-profitti ai più deboli”.

E’ questa la proposta del Ministro dell’Economia Giulio Tremonti. E se dovesse riuscirci nella repubblica fondata sul calcio, con il calcio spesso e volentieri finanziato dai petrolieri sarebbe quasi una rivoluzione.

Fatta questa premessa vediamo quale rivoluzione (vera) dei consumatori americani, alle prese con i prezzi record della benzina stiano festeggiando in Giappone questa mattina.

Le case automobilistiche asiatiche hanno sorpassato per la prima volta i colossi di Detroit sul mercato americano, con i costruttori giapponesi e sudcoreani che hanno registrato in maggio un aumento delle vendite del 3,7% e con Gm, Ford e Chrysler che hanno visto scendere le proprie vendite complessivamente del 21%.

Questo perché i consumatori strangolati dal prezzo della benzina hanno scelto auto più piccole e che consumano meno a scapito dei Suv, con questi ultimi che assieme ai pickup hanno visto crollare le vendite a maggio del 60%.

L’ annuncio del sorpasso dei produttori asiatici rispetto a quelli americani è arrivato nelle stesse ore in cui il senatore Barack Obama ha proclamato a St.Paul (Minnesota) la vittoria nella sfida per la candidatura democratica alla Casa Bianca e rimarrà quindi impresso nella memoria collettiva. “Dobbiamo essere uniti in uno sforzo comune per tracciare una nuova strada per l’America” ha dichiarato Obama.

La supremazia dei petrolieri come quella dei dinosauri ha fatto il suo tempo. Ma non aspettiamoci però che i Suv e i petrolieri si estinguano più velocemente dei grandi rettili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La festa di primavera

L’Asia attende l’insediamento di Barack Obama

L'uomo più ricco della Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X