Azioni Aim, Convergenze: il Covid frena i ricavi ma la redditività migliora

A
A
A
di Redazione 23 Marzo 2021 | 09:58

Convergenze, approdata in Borsa a fine dicembre, ha chiuso il primo semestre 2020 con un miglioramento della marginalità operativa dal 13,3% al 15,7% pur in presenza di una flessione del 3% a 7,7 milioni delle vendite causa pandemia. Secondo alcune indicazioni fornite del management in un’ottica “pre-money”, il 2020 dovrebbe chiudere con un valore della produzione a 16,6 milioni e un Ebitda di 2,4 milioni. Confermata e rafforzata la strategia di sviluppo, sia organica che per linee esterne. Obiettivi che, unitamente ai costanti investimenti in innovazione, verranno accelerati anche dai 2,8 milioni di risorse introitate con la quotazione. Ecco di seguito l’analisi di Market Insight.

        1. Modello di Business
        2. Ultimi Avvenimenti
        3. Conto Economico
        4. Breakdown Ricavi
        5. Stato Patrimoniale
        6. Ratio
        7. Strategia
        8. Outlook
        9. Borsa

Modello di business

Convergenze, Società Benefit da settembre 2020, è un operatore di tecnologia integratoattivo nei settori Telecomunicazioni ed Energia 100% green, presente sul territorio nazionale con punti di ricarica per auto elettriche attraverso il brevettato network EVO (Electric Vehicle Only).

Costituita nel 2005 ha iniziato ad operare nel settore delle Telecomunicazioni con servizi internet e di fonia fissa, diversificando poi l’attività nel 2015 con l’ingresso nel settore dell’Energia, diventando trader di energia elettrica da fonti rinnovabili e gas naturale.

La società opera attraverso due Business Unit strettamente interconnesse in termini strategici e operativi:

  • Telecomunicazioni (BU TLC): per l’offerta a clienti business e small business, Pubblica Amministrazione e associazioni e retail di servizi di connettività a banda larga e ultra-larga, connettività wireless, telefonia fissa, servizi cloud e servizi unici accessori per l’offerta del bundle Voce+Dati su base locale, regionale e nazionale;
  • Energia e gas naturale (BU Energia): per la fornitura di energia elettrica proveniente da fonti 100% rinnovabili e di gas naturale, alle stesse categorie di clienti individuate per la BU TLC.

E’ inoltre in via di sviluppo la Business Unit Media and Content Delivery (BU Media) che permetterà l’ulteriore diversificazione dell’attuale business.

Ultimi avvenimenti

Convergenze ha chiuso il 2020 con l’approdo all’Aim del 30 dicembre. L’Ipo propedeutica alla quotazione ha consentito di raccogliere 2,8 milioni di risorse finanziarie che saranno indirizzate all’accelerazione del percorso di crescita e di sviluppo intrapreso.

A metà gennaio 2021 Convergenze ha aperto la nuova divisione Wholesale, ampliando l’offerta dei servizi TLC, coerentemente con la strategia di crescita dichiarata in sede di Ipo. Rosario Pingaro, Ad di Convergenze, ha commentato “Riteniamo che l’apertura possa portare a nuove e interessanti opportunità di business, legate sia al target di piccoli operatori del settore TLC che non dispongono di propria infrastruttura sia a operatori di maggiori dimensioni”.

Inoltre, nello stesso periodo ha rafforzato la presenza online con l’apertura di due nuovi siti di e-commerce dedicati alla vendita di due componenti chiave dell’offerta: la connessione internet ultraveloce in fibra ottica FTTH (ConFIBRA “superfast”) e la fornitura di gas naturale (ConGAS “smart”).

A ciò si aggiunge l’introduzione della soluzione Amazon Pay nella propria catena dei pagamenti per favorire la digitalizzazione degli stessi e snellire le procedure di pagamento dei servizi sia nell’ambito dell’energia sia delle telecomunicazioni.

Infine, di recente la società campana ha siglato un accordo di interoperabilità con Enel X, per consentire ai propri clienti di ricaricare i veicoli sulla rete pubblica di Enel X, utilizzano gli oltre 12.000 punti di ricarica gestiti su tutto il territorio nazionale da Enel X. I nuovi punti di ricarica Enel X si affiancano al network di colonnine di ricarica per auto elettriche EVO di proprietà. Per il pagamento i clienti potranno utilizzare anche la soluzione recentemente introdotta Amazon Pay. Sono 9 i punti di ricarica attivi nelle province di Salerno e Napoli, 5 in corso di installazione, e 2 postazioni EVO Station (per privati e aziende). Di recente sono inoltre state attivate due colonnine, a Sant’Antonio Abate (NA) e ad Agropoli, frazione di Mattine (SA), a cui si aggiungono i numerosi accordi già esistenti per la realizzazione di nuove postazioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, bond: tutte le nuove emissioni all’insegna del green

Certificati, Facebook: recupero possibile dopo lo scivolone

Mercati: i nuovi bond corporate e governativi della settimana sotto la lente

NEWSLETTER
Iscriviti
X