Siat, ecco tutti gli appuntamenti e i progetti per il 2021

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 19 Aprile 2021 | 12:38

Il 2021 comincia con un nuovo progetto ambizioso e molto all’avanguardia che SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica) ha scelto di supportare e promuovere in collaborazione con ricercatori di eccellenza, prestigiosi enti e università italiane e internazionali, teso a diffondere nuova conoscenza e innovativi approcci al mondo dell’Analisi tecnica-quantitativa, della finanza e non solo. Una ricerca che alimenta un nuovo modo di operare in ambito finanziario.

“Il compito di SIAT – afferma il presidente Davide Bulgarelli “è quello di accompagnare il mondo della finanza in questa sua nuova fase di crescita lanciando e raccogliendo le sfide che ci riserva il futuro”.

Infatti, da oltre trent’anni SIAT studia i mercati finanziari attraverso l’analisi algoritmica, statistica, quantitativa e i modelli grafici, anche con il supporto dell’intelligenza artificiale e implementando la finanza comportamentale e la neuroeconomia.

“In tutti questi anni – continua Bulgarelli – abbiamo raggiunto grandi risultati e abbiamo organizzato iniziative che hanno contribuito a creare importanti passi avanti nel mondo della finanza e dell’economia, quest’anno vogliamo fare uno scatto maggiore e ci dedichiamo, con grande enfasi, a un esperimento molto innovativo che vuole analizzare in che modo e tramite quali percorsi il microbiota, la flora intestinale e il sistema immunitario contribuiscano a influenzare le scelte economico-finanziarie”.

Il progetto si realizza grazie alle partnership con importanti ricercatori di realtà interdisciplinari come: Eric Guerci, Professore Associato di Economia presso l’Università della Costa Azzurra, Francesco Papaleo dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, John F. Cryan professore e presidente, Dipartimento di Anatomia e Neuroscienze, University College Cork, Soyoung Q. Park professore congiunto di Neuroscienze e nutrizione delle decisioni presso la Charité – Universitätsmedizin Berlin (Centro di ricerca sulle neuroscienze) e l’Istituto tedesco per la nutrizione umana (DIfE – Leibniz Alliances).

Nelle discipline come le neuroscienze, l’economia e la psicologia vi è stata una intensa attività di ricerca incentrata sulla comprensione dei meccanismi interni (circuiti cerebrali, genetica) ed esterni (stress, nutrizione e ambiente) responsabili dei processi mentali legati alle decisioni. Negli ultimi anni l’attenzione si è rivolta ad un terzo fattore “il microbiota intestinale. Sarà molto interessante analizzare come l’alimentazione intestinale e la sua interazione con il sistema immunitario e nervoso centrale, possa andare a influire sull’attitudine al rischio dei Traders professionisti, che sono per la loro stessa professione maggiormente portati verso comportamenti rischiosi, rispetto agli Asset Managers, che invece hanno un’attitudine al rischio decisamente più moderata. Non mancherà poi, una visione anche sulla popolazione generale.

Con il progetto “SocioBiome: cibo motore per la mente” che coinvolge il microbiota oggi è possibile per la prima volta estendere questi studi anche al genere umano.

Una sfida affascinante che dimostra ancora una volta come la voglia di indagare e sperimentare faccia parte del DNA di SIAT. “Grazie alla preziosa collaborazione che si è instaurata tra i vari ricercatori coinvolti nel progetto – conclude Bulgarelli  – noi della SIAT siamo entusiasti dell’idea di provare a testare e validare sperimentalmente su una popolazione di professionisti del settore finanziario (traders e asset managers) questa ipotesi scientifica”.

Project 2021. SocioBiome: cibo motore per la mente

La ricerca. Durante ognuno dei due eventi istituzionali, Trading Day Campus e Academy, saranno istituiti una serie di test a computer, che rispetteranno i protocolli consolidati e gli standard dell’economia sperimentale e comportamentale. I partecipanti dovranno affrontare multiple sessioni sperimentali a computer. In loco verranno raccolti campioni biologici dei partecipanti (sangue, feci, saliva, capelli) che saranno analizzati al APC Microbiome Institute a Cork, in Irlanda, e all’Istituto Italiano di Tecnologia a Genova.

L’obiettivo della ricerca di quest’anno si concentra sui meccanismi sociali, neurali e metabolici alla base del processo decisionale umano, per scoprire, in termini scientifici la relazione che esiste tra “corpo e mente”.

Nel 2021 si svolgeranno tre importanti incontri organizzati da SIAT

Trading Day Campus 2021 il 24 e 25 giugno presso l’Ippodromo Snai San Siro, una due giorni formativa e operativa dedicata all’analisi tecnica. I più importanti Analisti Tecnici e operatori super specializzati del settore, condivideranno le proprie esperienze, conoscenze e metodologie con tutti coloro che desiderano avvicinarsi all’affascinante mondo della finanza o che desiderano approfondire tecniche e strategie operative di trading ed investimento.

Trading Academy 2021 dal 3 al 5 settembre presso Castelmonastero (SI), un intero fine settimana dedicato agli Asset managers professionisti, caratterizzato da conferenze volte a “navigare” oltre le tematiche classiche dell’Analisi Tecnica-Quantitativa: verranno esplorate le nuove opportunità a cui tecnologie, mercati e strumenti della “quant generation” hanno dato origine. Si andrà inoltre a indagare la complessa tematica della contaminazione di Analisi Tecnica ed altre scienze economiche (i.e. Finanza comportamentale, Intelligenza Artificiale, Big Data, Cryptocurrency e Blockchain) grazie al contributo di massimi esperti del mondo accademico e istituzionale.

Quantech 2021 dal 4 al 5 novembre presso il Palazzo della regione Lombardia, una due giorni dedicata al mondo della finanza con i più importanti Asset managers del mercato e con l’intervento di ospiti internazionali. Un evento che consentirà anche di mostrare i primi risultati della ricerca SocioBiome.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Nobel per l’economia: tre i vincitori quest’anno. Le motivazioni

Asset allocation: ecco come posizionarsi nell’ultimo trimestre del 2021

Fondi: i gestori obbligazionari attivi hanno sovraperformato i benchmark nel 1° semestre

NEWSLETTER
Iscriviti
X