Npl, ricavi dei servicer in calo nel 2020 ma in recupero nel 2021

A
A
A
Avatar di Redazione 22 Aprile 2021 | 09:09

In una nota di categoria Unirec, l’associazione che riunisce le principali società di credit management in Italia, ha dichiarato che nel 2020 in media il fatturato di settore è diminuito del 15%. La ragione è principalmente dovuta a un calo delle masse gestite, a causa dell’effetto delle moratorie.

Anche i tassi di recupero sono stati impattati dal Covid, soprattutto nella prima fase di lockdown in cui si è verificata la chiusura dei tribunali, bilanciata da un recupero nella seconda metà dell’anno. L’associazione ha stimato poi una crescita dei deteriorati nel 2020 nel settore bancario del 2.5%, mentre le stime preliminari per il 2021 indicano un incremento del 4.3% dello stock di deteriorati.  Le stime di settore indicano inaggiunta l’arrivo di rilevanti flussi di nuovi NPL derivanti dalla crisi attesi sul mercato tra il 2022- 24. Il business degli NPL è previsto in recupero rispetto al 2020, nonostante anche il 2021 sia atteso al di sotto dei livelli pre-Covid.

“La pipeline sul mercato si conferma interessante – fanno notare gli analisti di Equita –  considerando che diverse banche continueranno ad attivare strategie di derisking nel corso dell’anno (possibile cessione di 2 mld di euro di crediti deteriorati da parte di Unicredit, 5/6 mld per Intesa SanPaolo e 1 mld per Banco Bpm).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, trimestrali: banche europee in vantaggio

Banche, 2 su 5 hanno qualcosa da nascondere

Orcel, il futuro di Unicredit mira alle fusioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X