Asset allocation: ecco le opportunità secondo gli italiani nei prossimi mesi

A
A
A
di Redazione 28 Aprile 2021 | 15:08

Ubs ha pubblicato il nuovo report Investor Sentiment, ricerca trimestrale che analizza la fiducia di investitori e imprenditori nei primi tre mesi del 2021.

“In questi ultimi tre mesi l’ottimismo degli investitori italiani nei confronti dell’economia del nostro Paese è in netto aumento, significativamente superiore rispetto alla media degli investitori europei – fa notare Paolo Federici, responsabile di UBS Global WM in Italia – e in questo contesto notiamo con piacere come il loro focus sia sempre più verso gli investimenti sostenibili, percepiti ormai come una scelta importante e pressoché imprescindibile nell’ambito delle allocazioni dei loro portafogli. Vediamo ancora una volta come le esigenze e le preferenze degli investitori siano assolutamente in linea con la nostra visione di lungo termine, focalizzata ormai da tempo sulla sostenibilità. Siamo stati infatti uno dei primi grandi istituti finanziari a individuare e comunicare l’essenzialità e la potenza di questo trend, ponendo gli investimenti sostenibili al centro della nostra strategia, come principale soluzione offerta ai nostri clienti”.

Principali risultati sull’Italia

Azionario e liquidità

In Italia, nel primo trimestre del 2021, gli investitori italiani hanno investito maggiormente nell’azionario, sempre mantenendo però una certa liquidità nel proprio portafoglio. Infatti, il 50% degli investitori italiani possiede ancora più del 10% di posizioni liquide. La ricerca sottolinea inoltre come il 49% degli investitori ritenga che l’inflazione possa subire un aumento nei prossimi tre anni.

Per far fronte a questa eventualità:

  • Ben il 47% degli investitori pensa che sia utile aumentare gli investimenti sostenibili;
  • Il 43% ritiene sia utile aggiungere una componente azionaria al portafoglio;
  • Il 34% pensa sia utile investire nel real estate

Allocazione del portafoglio

La fiducia per il mercato azionario nel breve periodo (nei prossimi sei mesi) è in aumento rispetto all’ultimo trimestre del 2020. Infatti, il 75% degli investitori italiani si rivela ottimista (nell’ultimo trimestre del 2020 gli investitori fiduciosi erano il 70%).

Inoltre, più della metà degli investitori italiani pensa di modificare il proprio portafoglio nei prossimi sei mesi, di contro il 40% pensa di tenerlo invariato e solo il 10% di ridurre la propria esposizione azionaria.

Quali sono, secondo gli investitori italiani, le maggiori opportunità di investimento?

  • Secondo il 78% degli investitori quelle aziende che hanno sperimentato uno sviluppo tecnologico;
  • Secondo il 77% gli investimenti sostenibili;
  • Mentre il 72% ritiene che le azioni rappresentino uno strumento efficace per diversificare il portafoglio durante la ripresa.

Ottimismo

Anche l’ottimismo nei confronti dell’economia italiana è in aumento risetto all’ultimo trimestre del 2020; infatti l’83% degli investitori italiani si dice fiducioso sotto questo aspetto (nel Q4 del 2020 gli investitori ottimisti erano il 71%)

Tuttavia:

  • Il 49% degli investitori è ancora preoccupato per il diffondersi del Covid-19
  • Ben il 48% individua nel climate change una preoccupazione

Il 45% ha dei timori riguardo un possibile aumento delle tasse.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: la Cina resta un buon affare

Investimenti: focus sull’healthcare

Asset allocation: come affrontare mercati più difficili e rialzi più lenti e irregolari

NEWSLETTER
Iscriviti
X