Borse mondiali in crescita

A
A
A
di Redazione 16 Giugno 2008 | 07:15
Nel fine settimana l’Arabia Saudita ha dichiarato che incrementerà la propria produzione di idrocarburi di 200.000 barili al giorno, portando il suo incremento totale a 500.000 barili in soli 2 mesi. Il prezzo del petrolio non accena però a scendere significativamente mantenendosi a 134$.

Venerdì chiusura di settimana positiva per Wall Street con l’indice S&P 500 in progresso dell’1,5% ed il Nasdaq Composite del 2,09%. Gli operatori sono stati rincuorati dall’inflazione core americana che è rimasta invariata ad un tasso di crescita del 2,3% annuo, rendendo momentaneamente più lontani gli attesi rialzi dei tassi da parte della FED.

Il Nikkei 225 inizia la settimana nel migliore dei modi con un’ascesa del 2,72% sulla debolezza dello Yen e la risalita degli altri mercati asiatici (Hang Seng +2.7%).

L’indice Eurostoxx 50 alle 9 si manteneva sostanzialmente invariato rispetto alla chiusura di venerdì.

Dal G8 non è emersa nessuna dichiarazione ufficiale sul fronte valutario ma il dollaro si mantiene stabile contro Euro a 1,5350 e lo Yen torna ai minimi di febbraio contro dollaro USA a 108,50.

Nel fine settimana l’Arabia Saudita ha dichiarato che incrementerà la propria produzione di idrocarburi di 200.000 barili al giorno, portando il suo incremento totale a 500.000 barili in soli 2 mesi. Il prezzo del petrolio non accenna però a scendere significativamente mantenendosi a  134$.

Mercato obbligazionario debole con il Bund che si mantiene sotto 110.

Oggi in agenda l’indice dei prezzi al consumo in Eurozona nel mese di maggio (11:00) e l’Empire manifatturiero di giugno (14:30).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Agenda del 14 ottobre

Agenda del 6 ottobre

Agenda del 16 Ottobre

NEWSLETTER
Iscriviti
X