Quando l'Hedge va "corto" con l'ETF

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 26 Giugno 2008 | 14:00
Sta prendendo piede una nova tendenza nel mondo dei fondi hedge: quella di operare le proprie scommesse attraverso i cosidetti ETF leverregiati. Con i costi dell’attività di lending che sono schizzati negli ultimi mesi (anche in conseguenza della poca fiducia che regna tra le controparti). I fondi speculativi stanno cercando nuovi strumenti ‘low cost’ per effettuare le proprie scommesse sul mercato e gli Etf Leverage sono lo strumento ideale.

Questi prodotti, studiati per il mercato retail, in verità offrono esposizione verso diversi sottostanti (indici o materie prime) con un effetto leva di due o tre volte il capitale investito.

Il ProShares UltraShort Oil & Gas ETF, per esempio, è uno degli ETF più popolari tra i gestori di fondi hedge: il tracker offe un’esposizione (corta) amplificata di due volte verso un paniere di titoli legati al settore oil a gas.

Andamento dell'ETF ProShares UltraShort Oil & Gas dall'inizio del 2008

In parole povere, per ogni punto percentuale perso dall’indice sottostante il tracker ne guadagna due (ovviamente, l’effetto vale anche quando il sottostante sale).

Tra i nomi di fondi che utilizzano questo prodotti PilotRock Investment Partners, Gallatin Asset Management, Millennium Partners, Galleon Group e Jabre Capital Partners. Ovviamente questi Etf possono essere utilizzati con un duplice scopo: da un lato compiere scommesse aggressive direzionali su indici o temi particolari (vedi il petrolio) dall’latro un valido (e poco costoso) strumento di copertura (hedging).

Un altro Etf molto utilizzato dai manager è l’ETF ProShares UltraShort Financial. In questo caso l’andamento dei titoli finanziari rappresentati dall’indice (il Dow Jones U.S. Financials Index) viene amplificato per due. Sulla scia del tracollo dei titoli finanziari il tracker ha guadagnato il 37% dall’inizio del 2008
e l’86,5% negli ultimi dodici mesi.

Performance dell'ETF ProShares UltraShort Financial dall'inizio del 2008


Harbinger Capital Partners, PilotRock, Galleon e SAC Capita
l sono alcuni dei più grandi holders di questi titoli: Harnbinger per esempio (fondd gestito da Phil Falcone) detiene una posizione del 4% di in UltraShort Financials ETF alla fine di marzo.

Il successo di questi strumenti è confermato dai numeri: dal lancio all’inizio del 2008, il ProShares UltraShort Oil & Gas aveva asset per 270 milioni di dollari mentre ora ne gestisce 2,5 miliardi. Anche il ProShares UltraShort Financials ETF ha iniziato l’anno con poco meno di 1 miliardo di dollari e ora può vantare un patrimonio più ricco di 600 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, crescono Amundi e Invesco ma guida sempre BlackRock

Mercati: spread oltre quota 100. Gli Etf per sfruttarne la risalita

Etf, da Ubs AM un innovativo prodotto sul Nasdaq cinese

NEWSLETTER
Iscriviti
X