Mercati, Usa: mai nella storia così tante revisioni al rialzo degli utili

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 27 Maggio 2021 | 10:32

“La corporate America ha potuto giovarsi di una crescita alquanto robusta, anzi presumibilmente migliore delle attese, se dobbiamo accogliere il messaggio dei PMI flash di maggio: la riapertura dell’economia ha fornito una domanda spumeggiante, che le aziende faticano a servire e la testardaggine della Fed nel definire temporanea l’inflazione e rinviare il tapering gli ha portato a tassi reali pesantemente negativi e un dollaro moderatamente in discesa”. Ad affermarlo è Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners Sgr, che di seguito analizza la possibile evoluzione della cosiddetta earning seasons negli Usa.

Non a caso, Citigroup ha rilevato che a maggio le revisioni al  rialzo degli earnings hanno totalizzato  il  79% del totale, un massimo storico, con tutti gli 11 settori a mostrare revisioni nette positive. E’ vero che l’earning season dista ancora oltre un mese, nel quale le attese possono eventualmente essere “gestite”. Ma è un buon segnale.


Chissà se la storia si ripeterà, come accaduto nei mesi scorsi. E’ evidente che le valutazioni sono elevate e il sentiment e il positioning carichi, anche se non quanto a febbraio. Ma, in assenza di shock, forti crescite degli utili solitamente creano i presupposti per performance positive.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Earning season: verso un rallentamento degli utili?

Wall Street: prende il via con attese positive la reporting season del Q2

La correzione può attendere

NEWSLETTER
Iscriviti
X