Investimenti, ecco perché credere ancora nella Cina

A
A
A
di Redazione 7 Giugno 2021 | 16:04

Il forte rimbalzo economico della Cina è di buon auspicio per i guadagni delle aziende nel 2021, incentivando gli investitori attivi a rifocalizzarsi sui fondamentali e a cogliere la volatilità in mezzo a potenziali venti contrari”. Ad affermarlo è Nicholas Yeo, Head of China Equities, Aberdeen Standard Investments, che di seguito dettaglia la view e loutlook.

La Cina ha stabilito un nuovo record di turismo durante le vacanze della Festa del Lavoro a maggio, dopo che le autorità hanno accelerato il vaccino contro il Covid-19. Indica una prospettiva drasticamente migliorata per la spesa dei consumatori.

Pur registrando una crescita positiva anno su anno – tenuto conto della gravità dello shutdown del 2020 – i titoli A-share stimano tuttora una crescita media del 38% degli utili per azione per il 2021 – con le società di alta qualità in una posizione ancora migliore. Inoltre, anche se i policymaker hanno inasprito le condizioni di credito, la People’s Bank of China si è impegnata a mantenere i tassi di interesse accomodanti. Questo dovrebbe mitigare i timori che l’inflazione possa portare a un inasprimento della politica monetaria dopo la crescita dei prezzi delle materie prime dovuta dell’incremento dell’attività industriale.

Escludendo le tensioni geopolitiche – difficili da quantificare a livello aziendale – il rischio chiave per gli investitori sarà l’eccesso di regolamentazione. La Cina si sta concentrando sulla promozione di una crescita economica più sostenibile, aumentando di conseguenza la regolamentazione delle industrie cresciute rapidamente, ma senza una vigilanza adeguata. In particolare, le autorità si sono mosse per frenare le pratiche monopolistiche delle piattaforme commerciali in aree come la tecnologia finanziaria. Generalmente, le restrizioni normative portano alla volatilità dei prezzi delle azioni e creano opportunità di acquistare società di qualità a valutazioni più basse. Quest’anno potrebbe quindi offrire buone opportunità per lo stock-picking attivo.

Ci sono tutte le ragioni per gli investitori per essere positivi sulle prospettive del mercato cinese delle A-shares. Il nostro istituto di ricerca prevede che l’economia cinese crescerà intorno al 9,5% nel 2021. Il rimbalzo post-pandemia registrato a livello nazionale dovrebbe stimolare l’aumento dei salari, sostenendo la continua crescita strutturale dei consumi interni. Le aziende dei settori dei beni di prima necessità, dei beni di consumo discrezionali e della salute e del benessere sarebbero in linea per beneficiarne.

I beni di consumo hanno guidato la performance dei prezzi delle azioni nel 2020 e sono stati i primi a far fronte al sell-off quando dopo la correzione del mercato seguita al Capodanno cinese, gli investitori hanno preferito uscire dalle posizioni sui titoli orientati alla crescita per i timori di una stretta monetaria. Se da un lato le aziende hanno poi recuperato il terreno perduto, un certo numero di titoli del settore dei beni di consumo e dell’health-care di qualità rimangono più convenienti del 10-20% rispetto a prima del Capodanno cinese – con fondamentali che sono in gran parte invariati.

Puntare sulla qualità

Nel complesso, le esportazioni cinesi sono in aumento e i dati economici sono incoraggianti. Guardando al futuro, i driver strutturali dei consumi cinesi rimangono infatti intatti e la generazione dei millennial continuerà a comprare beni e servizi di alta qualità.

Ci sono opportunità in una varietà di nomi e settori, dai produttori di condimenti e produttori di ricambi auto alle nuove aziende energetiche e ai fornitori di batterie. Gli investitori potrebbero concentrarsi sui leader del settore con forti quote di mercato e vantaggi competitivi solidi. Possono assorbire i costi di input più elevati, che saranno fondamentali in un contesto di aumento dei prezzi delle materie prime.

In generale, le aziende di qualità sono le più rapide a riprendersi dagli shock esterni e sono meglio posizionate per fornire una crescita sostenibile degli utili. I loro management tendono inoltre ad essere più prudenti e ricettivi verso il coinvolgimento sulle questioni ambientali, sociali e di governance (ESG).

La selezione di aziende con forti standard ESG migliora le possibilità degli investitori di evitare fallimenti e scandali aziendali. È anche un modo per generare un potenziale alfa investendo in un cambiamento positivo nelle aziende. In definitiva, le politiche ESG progressive possono aiutare a guidare i rendimenti e il prezzo delle azioni di un’azienda nel lungo periodo.

I settori che offrono maggiori opportunità

A livello settoriale, l’aumento del reddito disponibile e i cittadini sempre più attenti alla salute aumentano le prospettive del segmento health-care. Le autorità hanno aumentato le agevolazioni fiscali per le spese di ricerca e sviluppo al fine di guidare l’innovazione e ridurre la dipendenza dalla tecnologia occidentale. Questo potrebbe essere un fattore chiave nella crescente gamma di aziende farmaceutiche cinesi. Ad esempio, di recente abbiamo acquistato delle quote in organizzazioni di ricerca clinica che servono le aziende farmaceutiche.

Siamo anche positivi sulle prospettive dell’industria della gestione patrimoniale cinese, che dovrebbe beneficiare della continua liberalizzazione del mercato dei capitali. Abbiamo recentemente investito in un fornitore di soluzioni IT per la gestione del portafoglio e le piattaforme di trading utilizzate dalle istituzioni finanziarie.

Guardando altrove, prevediamo una crescita nelle energie rinnovabili all’interno di politiche governative che sostengono il raggiungimento degli obiettivi ambientali. Le prospettive sembrano brillanti per i veicoli elettrici, con un’adozione bassa nelle città di secondo e terzo livello. Il governo potrebbe introdurre incentivi per aumentare le vendite nelle zone rurali e investire in infrastrutture di ricarica – il che sosterrebbe la crescita dell’industria a lungo termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, Cina vs Taiwan: tutti gli scenari

Top 10 Bluerating: Lyxor ha in mano la Cina

Asset allocation: ecco perchè puntare sulla Cina è ancora interessante

NEWSLETTER
Iscriviti
X