Mercati: il London Metal Exchange dice addio alle grida, anzi no

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 9 Giugno 2021 | 11:46

Vittoria di Pirro infine per i sostenitori degli storici ring alle grida. Il London Metal Exchange (Lme) ha deciso di mantenere in vita le contrattazioni “in presenza”, attive da ormai 144 anni ma con delle forti limitazioni che sembrano indicare come l’epilogo sia solo rimandato.

I prezzi ufficiali – spiega Michael Palatiello, ad e strategist di Wings Partners Simrimarranno infatti privilegio del mercato alle grida, ma quelli di chiusura delle 18 (che vengono utilizzati per regolare i margini giornalieri sulle posizioni) passano al mercato telematico, privando i traders di una cospicua fetta di business (alcuni sostengono fino al 75% del profitto complessivo)”.

“Inutile dire come i nove attuali “ring dealers” sopravvissuti si siano detti scettici sull’opportunità di mantenere un team (assai costoso) di dealers con prospettive così misere… tanto che l’LME sembra aprire la porta ad eventuali uscite annunciando che la chiusura definitiva del ring potrebbe arrivare nel caso di una significativa riduzione dei volumi sul Pit di Borsa (circa il 25%), oppure se il numero dei ring dealers scendesse a meno di sei. Insomma, un invito neanche troppo velato a prepararsi alla pensione”, fa poi notare Palatiello.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X