Gli investimenti multi-asset restano attuali

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2021 | 14:03

“Nell’attuale contesto di bassi tassi d’interesse ed elevati ritorni azionari, alcuni investitori potrebbero essere spinti a rinunciare del tutto alla diversificazione e a investire solo in azioni. Per un investitore di lungo periodo, tuttavia, i prodotti finanziari multi-asset rimangono più indicati, nonostante il diffuso scetticismo sulle obbligazioni”. Parola di Nicola Grass, snior Portfolio Manager Multi-Asset di Swisscanto Invest, che di seguito spiega nel dettaglio la view.

Negli ultimi dieci anni le azioni hanno fatto registrare un impressionante ritorno annuale dell’11% guardando all’indice MSCI World. Non c’è quindi da meravigliarsi che asset class apparentemente poco attraenti come le obbligazioni siano state un po’ trascurate.

In questo contesto al rialzo dei mercati azionari, non bisogna però dimenticare che in passato si sono spesso osservate fasi di ritorni azionari molto bassi. Le azioni, infatti, registrano un ritorno particolarmente elevato durante le fasi congiunturali di espansione, mentre i prezzi scendono durante le fasi di recessione o depressione. Pertanto, un investitore che voglia generare reddito e stabilizzare il proprio portafoglio nelle fasi più difficili dovrebbe investire anche in altre asset class.

Esempi di fasi negative per le scorte azioni

Mercati finanziari Periodo Ritorno delle azioni

(in valuta locale)

Rendimento dei titoli di stato (in valuta locale)
Mondo 2007 – 2012 0% 40%
Giappone 1989 – oggi 9% 170%
Stati Uniti 1973 – 1978 5% 43%

Fonte: Swisscanto Invest, Bloomberg

Negli ultimi anni le previsioni sui rendimenti obbligazionari sono diminuite bruscamente a causa del forte calo dei tassi di interesse. Una riduzione della quota obbligazionaria è quindi giustificata ed è stata ad esempio attuata nei nostri fondi di asset allocation. Non è tuttavia consigliabile rinunciare del tutto alle obbligazioni, poiché è stato dimostrato che offrono protezione quando i mercati azionari scendono bruscamente.

La correlazione negativa tra azioni e obbligazioni resiste anche ai tassi d’interesse negativi (vedi grafico) e ha permesso al profilo rischio/rendimento dei portafogli multi-asset di superare ancora una volta quello dei portafogli puramente azionari negli ultimi tre anni (Sharpe ratio Svizzera 0,99 contro 0,52 e gli Stati Uniti 0,77 contro 0,70).

Correlazione azioni/obbligazioni a 3 anni – Fatturato, Dati settimanali – Fonte: Swisscanto Invest, Bloomberg

Allo stesso modo ci si dimentica, inoltre, che l’effetto roll-down sulla curva dei tassi di interesse può permettere di ottenere rendimenti superiori rispetto ai rendimenti a scadenza. Poiché le curve dei tassi di interesse sono attualmente particolarmente ripide, questo argomento sta diventando sempre più importante. In Svizzera, lo Swiss Bond Index è quindi cresciuto di circa il 4,5% negli ultimi sei anni, nonostante un rendimento medio alla scadenza di appena lo 0,12%, e in Giappone, dove il tasso di riferimento era già dello 0% nel 1999, i titoli di Stato hanno da allora generato oltre il 40% di rendimento (in yen giapponesi).

Non condividiamo i timori che la correlazione tra azioni e obbligazioni sarà positiva a lungo termine nel prossimo futuro. L’esperienza mostra che una lunga fase di rialzo dei tassi di interesse in un contesto di calo dei corsi azionari si è verificata l’ultima volta negli anni ’70, quando l’inflazione ha superato il 10% e le banche centrali dovettero aumentare i tassi malgrado la caduta dei titoli azionari. Nonostante i segnali di aumento dell’inflazione, al momento riteniamo improbabile questo scenario.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, quando il prezzo non è tutto

Asset allocation, le opportunità della pet economy

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

NEWSLETTER
Iscriviti
X