Tutti in coda davanti alla Fed

A
A
A
di Marco Mairate 9 Luglio 2008 | 10:12
La Fed continua nella sua campagna mediatica antipanico. La Banca Centrale americana promette soldi facili a tutte quelle istituzioni a rischio fallimento e pospone la scadenza per il rimborso da fine 2008 a tutto il 2009 con giubilo di tutti. Jamie Dimon (Jp Morgan) è daccordo ma precisa “anche le grandi banche possono fallire”.

Ieri la Federal Reserve per bocca del suo Presidente, Ben Bernanke (nella foto), ha detto che il credito facile per banche e istituzioni finanziarie proseguirà per tutto il 2009.

La decisione, che sul finale di seduta ha fatto fare un balzo agli indici americani , si spiega con il perdurare della crisi dei muti e la necessità di prolungare il sostegno della Banca Centrale americana verso il sistema finanziario.

Finora questa speciale ancora di salvezza era stata concessa solo a Citigroup e JP Morgan, cui sono seguite altri prestiti facili a Lehman Brothers e Merrill Lynch.  Al coro dei consensi intorno alla proposta di Bernake, fa eco Jamie Dimon, Ceo di Jp Morgan e beneficiario di una linea di credito da 29 miliardi di dollari per tenere in vita Bear Stearns. 

Il top manager ha confermato che l’atteggiamento della Fed  verso il caso BS è stato quello giusto, sottolineando come se si fosse permesso a Bear Stearns di fallire sarebbe stata una catastrofe. Certo il fallimento di Bear avrebbe alimentato il cosiddetto effetto contagio tra i mercati ma è anche vero che parlare di pericolo scampato davanti a migliaia di investitori e dipendenti della banca che si sono visti bruciare in poche ore i risparmi di una vita, risulta un po’ eccessivo.

Dimon aggiunge anche che nessuna banca è troppo grande per fallire. Difficile quindi capire quando il fallimento fa parte delle regole di mercato e quando invece risulta insopportabile al mercato.

Una cosa è sicura, questa sorta di cuscinetto salva crisi renderà meno virtuose banche e investment bank,  tutte in coda per rifugiarsi tra le braccia di mamma Fed nei momenti più bui. In attesa della prossima vittima.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti