Asset allocation: Piazza Affari sarà la sorpresa d’Europa

A
A
A
di Redazione 22 Giugno 2021 | 16:02

“Per l’Italia, i fondi della Next Generation Ue rappresentano un’opportunità unica per lo sviluppo, gli investimenti e le riforme e possono fornire la possibilità di accelerare la crescita sostenibile, rimuovendo gli ostacoli che hanno frenato la ripresa del paese negli ultimi decenni. Continuiamo a credere che il mercato italiano possa rappresentare la sorpresa tra i mercati europei”. È la posizione di Andrea Scauri, gestore del fondo Lemanik High Growth di Lemanik che, in maggio, ha registrato una performance positiva di +5,58%.

I mercati azionari italiani hanno sovraperformato i principali indici, soprattutto grazie ai titoli finanziari. L’attrattiva dell’Italia per gli investitori sta crescendo, grazie al suo profilo di rischio drasticamente migliorato e perché è tra i principali beneficiari dei fondi Ue, che potrebbero portare nuovi capitali verso l’Italia e l’Europa, per monetizzare il debito e, se necessario, utilizzare altre misure di politica monetaria a disposizione.

In generale, i mercati hanno attraversato un periodo di consolidamento durante il mese di maggio, quando un miglioramento continuo dei dati macro e risultati trimestrali complessivamente superiori alle stime hanno compensato un tono leggermente meno accomodante emerso dalla Fed e i timori di inflazione. Il rischio d’inflazione resta gestibile per i mercati e il nostro scenario di base prevede un’inflazione più elevata nei prossimi anni, ma guidata da una crescita economica più stabile – continua Scauri.

La view positiva sui mercati azionari si basa sul fatto che i tassi d’interesse reali non varieranno molto nei prossimi trimestri e rimarranno negativi, dato che le banche centrali cercheranno a ogni costo di evitare un rapido aumento del costo del denaro. Dopo una forte performance del mercato fino a questo punto del 2021, nel breve termine ci potrà essere un consolidamento che potrebbe durare qualche settimana o mese, prima di iniziare a vedere una nuova accelerazione guidata dai titoli e settori che beneficiano del reflation trade. Le stime per il 2021 e gli anni successivi restano costruttive, con l’accelerazione della crescita nei prossimi trimestri, l’impatto dei fondi Next Generation Ue in arrivo e una politica fiscale e monetaria ancora espansiva.

“In questo contesto, il nostro posizionamento di portafoglio è molto selettivo ed è incentrato su valutazioni relativamente basse e profili di crescita visibili”, conclude Scauri: “è il caso di Danieli, che combina crescita, multipli economici e tendenze a lungo termine legate alla decarbonizzazione dell’industria dell’acciaio. Abbiamo ulteriormente aumentato la nostra esposizione al settore finanziario, aumentando la partecipazione in Unicredit e aggiungendo una nuova posizione su Banco Bpm. Tra gli industriali, abbiamo costruito una nuova posizione su Pirelli, sulla base dell’aspettativa di un miglior prezzo/mix e di un aumento dei volumi, più che compensando l’aumento delle materie prime”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: le obbligazioni restano un campo minato

Asset allocation: come muoversi in uno scenario in chiaroscuro

Asset allocation: sette temi di investimento top per il 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X