Torna il panico a WS, l'Europa apre in ribasso

A
A
A
di Redazione 10 Luglio 2008 | 07:21
Ancora una seduta da dimenticare per la Borsa di New York che cade sotto le brutte notizie provenienti da Freddie Mac e Fannie Mae. I due più importanti erogatori di fondi per le società di mutui sembrano essere arrivate al capolinea e le continue perdite potrebbero portare al fallimento i due colossi.

Seduta di ieri pesantemente negativa per Wall Street che è stata trascinata al ribasso dai timori legati alla situazione di Fannie Mae (-23,8%) e Freddie Mac (-13,1%). Gli operatori stimano infatti che le due entità necessitino di ampie iniezioni di capitali. Nonostante il rating riconosciuto dalle agenzie sia infatti AAA, ormai i prezzi delle obbligazioni dei due colossi dei mutui quotano a circa 5 livelli di rating al di sotto di quello ufficiale.

Seduta comunque pesante su tutti i settori con i 3 indici S&P, Dow e Nasdaq tutti in ribasso di oltre il 2%. Si salva invece Tokyo che resiste ai marosi provenienti da oltreoceano regalandosi un rialzo dello 0,1% con in buon spolvero il settore finanziario.

Il future sull’Eurostoxx alle 9 presenta un robusto calo dell’1,6% (anche se ieri sera in coincidenza con la discesa di Wall Street aveva visto livelli anche peggiori).

Mercati obbligazionari che in questo contesto di timore e scarsissima propensione al rischio sono tornati nella serata di ieri in prossimità dei massimi degli ultimi giorni, il bund alle 9 si trova a 112,30.

Euro stabile contro dollaro a 1,5730 e Yen a 168,20.Oggi attenzione alla decisione della Bank of England sui tassi d’interesse, le attese sono per un nulla di fatto.

 Occhi su Tiscali, autrice ieri di autentiche montagne russe rasentando la sospensione per eccesso di rialzo nel pomeriggio, per poi vedere la società stessa smentire i rumors in serata.

Monte Paschi ha reso noto di aver concluso la cessione del 49% Banca Monte Parma per 192mln.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti