Investimenti: mercati emergenti, ecco perchè mantenerli in portafoglio

A
A
A
di Redazione 28 Giugno 2021 | 15:08

Nonostante un inizio d’anno positivo per le azioni dei mercati emergenti (EM), a oggi l’indice MSCI World è in rialzo di circa l’11,5%, mentre l’indice MSCI EM è in rialzo di “appena” il 7% (in termini di dollari USA). Dunque, perché i mercati emergenti sono rimasti indietro? Prova di seguito a rispondere a questa domanda Nick Payne, co-Head of Strategy, Global Emerging Markets di Jupiter AM.

Tre le ragioni chiave

La prima legata alle ondate di Covid-19 e alla diffusione del vaccino.  Quando siamo entrati nel 2021, il mercato si è comportato come se la scoperta del vaccino implicasse la risoluzione del problema della pandemia. Ma ci sono state seconde e terze ondate estremamente gravi in alcuni paesi dei EM come Brasile e India. Per fortuna, la situazione sembra migliorare ora: l’India, per esempio, sta riportando circa 85.000 nuovi casi giornalieri, che, sebbene ancora alti, sono i più bassi dall’inizio di aprile. Queste ondate hanno intaccato la fiducia degli investitori, anche se confermiamo l’opinione che hanno posticipato la crescita dei EM, piuttosto che cancellarla.

La diffusione del vaccino è stata più lenta a decollare anche nei mercati emergenti. In Asia, questo è probabilmente dovuto a un certo livello di compiacenza, dato che alcuni paesi hanno registrato casi di Covid-19 relativamente bassi rispetto a molte altre parti del mondo. Tuttavia, in seguito alle recenti epidemie a Taiwan e in Cina, abbiamo visto un salto nell’adozione del vaccino: a Taiwan, c’è stato un aumento di dieci volte nelle ultime settimane, e la Cina sta ora vaccinando 40 milioni di persone al giorno, rispetto ai 5 milioni di un mese fa.

In secondo luogo, i paesi emergenti non hanno usato la “helicopter money” – non ci sono stati sforzi straordinari di stimolo nei paesi emergenti (con un paio di eccezioni degne di nota), mentre gli Stati Uniti hanno distribuito assegni ai loro cittadini. Apparentemente ciò sembra positivo per gli Stati Uniti in questo momento, con il raggiungimento di un certo slancio economico, ma crediamo che stia solo anticipando i consumi futuri.

L’ultima ragione è la Cina. La Cina rappresenta circa il 40% dell’universo dei EM e la performance del suo mercato azionario è stata piatta fino a oggi, dopo essere stata tra i mercati più performanti nel 2020. È un mercato molto concentrato sulla tecnologia, un’area che ha faticato di recente, e la crescita del credito è stata significativamente lenta, e in effetti è appena diventata negativa. L’economia cinese sembra probabilmente la più “normale” tra le principali economie globali: ha iniziato il tapering a metà febbraio, rallentando l’impulso al credito e lo stimolo straordinario attuato a metà della crisi. Ci aspettiamo che la Cina cominci ad allentare i freni e a toccare di nuovo delicatamente l’acceleratore, il che porterebbe a una certa normalizzazione.

In genere, le azioni dei paesi emergenti danno i migliori risultati quando c’è un significativo differenziale di crescita rispetto ai mercati sviluppati, quindi quando la diffusione del vaccino avrà maggiore massa critica in tutti i paesi emergenti, ci aspettiamo che questo ritorni. Mentre gli Stati Uniti e l’Europa sembrano migliori al momento in termini di dati, gli stimoli dei mercati sviluppati sono ai massimi livelli, e i paesi emergenti non sono stati in grado di mostrare la vera natura della loro crescita – ancora. Ci aspettiamo che lo scenario sia molto più favorevole nella seconda metà dell’anno e nel 2022.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Oggi su Bluerating News: Consulenti e reti, dieci anni per battere le banche

Consulenti, un’alleanza forte per essere più forti

Investimenti, Cina: ecco i problemi che Pechino deve fronteggiare

NEWSLETTER
Iscriviti
X