Asset allocation, multi asset: tre temi per sfruttare la ripresa

A
A
A
di Redazione 29 Giugno 2021 | 15:32

L’attuale fase di ripresa post pandemia potrebbe fornire opportunità di investimento sui mercati. Non mancano però  i rischi e il timore di un aumento dei tassi obbliga gli operatori a muoversi con cautela. “In particolare nei prossimi anni, gli investitori multi-asset dovrebbero focalizzarsi su tre temi principali: uno più tattico, in termini di allocazione del rischio, e due più strutturali”. Lo affermano gli esperti di Amundi, che di seguito dettagliano le tre tematiche.

Agilità nell’allocazione del rischio: tornare alla neutralità

In primo luogo, man mano che la ripresa avanza, gli investitori dovrebbero adottare un orientamento total return, con l’obiettivo ultimo di ridurre il possibile drawdown derivante dall’aumento dei tassi di interesse.

Riteniamo che nelle prossime settimane sarà opportuno assumere una posizione più difensiva. L’obiettivo sarà quello di sfruttare le opportunità di relative value e di diventare più cauti sull’esposizione al rischio direzionale che dovrebbe rimanere neutrale nel complesso. Questo non significa un de-risking strutturale, ma cercare di proteggere le buone performance accumulante nella prima parte dell’anno e migliori entry point per sfruttare la fase successiva della ripresa partendo da valutazioni migliori. Agilità e flessibilità saranno ancora più importanti in una fase di transizione verso un nuovo regime di possibile inflazione più elevata.

Generazione di reddito in presenza di un’inflazione più elevata

In secondo luogo, poiché l’aumento del debito sarà un’eredità della pandemia e i tassi di interesse dovrebbero rimanere bassi per rendere la situazione sostenibile, gli investitori dovrebbero ampliare le loro fonti di reddito per ottenere rendimenti adeguati nei loro portafogli. Gli investitori dovrebbero esplorare l’intera gamma di attività del reddito fisso per generare flussi di reddito sostenibili, nonché esaminare le opportunità dei dividendi azionari che stanno ripartendo dopo la crisi, ed i real asset L’inflazione è uno dei rischi principali che potrebbero influenzare i mercati in questo momento.

In termini di opportunità di investimento, con la riapertura delle economie potremmo vedere i rendimenti salire e le curve dei tassi irripidirsi tra i crescenti timori legati all’inflazione, incidendo sull’interesse verso il debito a lungo termine, in particolare investment grade, che è già a livelli compressi, e verso le obbligazioni dei mercati emergenti con duration lunga. Di conseguenza, gli investitori dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di muoversi verso titoli di credito più rischiosi, almeno fino a quando la crescita rimarrà solida e la liquidità abbondante. Nella prima fase, gli investitori dovrebbero privilegiare le obbligazioni HY, obbligazioni dei mercati emergenti con duration breve e le obbligazioni subordinate. Anche i dividendi stanno ritornando dopo alcuni anni di interruzione, probabilmente nei settori più ciclici in una fase iniziale, e potrebbero offrire un’ulteriore fonte di reddito. In seguito, qualora i rendimenti dovessero aumentare ulteriormente, assisteremo probabilmente a un ritorno dell’interesse verso le scadenze più lunghe. La selezione è importante, poiché a un certo punto l’indebolimento dell’economia, le pressioni inflazionistiche e le riduzioni degli stimoli delle banche centrali si manifesteranno. Questo richiede una maggiore attenzione alla ricerca per scegliere le migliori aziende in un percorso di investimento che diventerà più sfidante.

La sostenibilità è la nuova normalità

In terzo luogo, la sostenibilità diventerà, la nuova normalità, con particolare attenzione alle tematiche E (ambientali) e S (sociali).

Il Multi-asset, con il suo ampio universo di investimento, consente agli investitori di puntare sui temi ESG in diversi modi, tra cui i social bond e i green bond, le azioni (sia best-in-class sia di aziende in un percorso di miglioramento ESG) e anche il real estate sostenibile o il private debt per gli investitori con un orizzonte di lungo termine adeguato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X