Mercati, Italia: debito/Pil e pressione fiscale in aumento

A
A
A
di Redazione 1 Luglio 2021 | 16:03

Nel sui più recente report l’Istat ha reso noto che nel primo trimestre 2021 l’indebitamento netto in Italia delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è salito al 13,1% contro il 10,6% nello stesso trimestre dello scorso anno.

Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato inoltee negativo, con un’incidenza sul Pil del -9,7% (-7,5% nel primo trimestre del 2020). E il saldo corrente è stato anch’esso negativo, con un’incidenza sul Pil del -8,6% (-7,3% nel primo trimestre del 2020).

La pressione fiscale è stata pari al 37,9%, sostanzialmente stabile rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+0,1 punti percentuali).Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell’1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono diminuiti dello 0,6%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 17,1%, in aumento di 1,8 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.A fronte di una variazione dello 0,6% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,9%.La quota di profitto delle società non finanziarie, stimata al 42,6%, è diminuita di 0,8 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Il tasso di investimento, pari al 22,3%, è aumentato di 0,7 punti percentuali rispetto al quarto trimestre 2020.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Italia: debito e Pil, i dati ufficiali e le previsioni

Investimenti: quattro considerazioni sulla sostenibilità del debito Usa

Dove dirigere gli investimenti in vista dell’aumento dell’inflazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X