Asset allocation: il dollaro potrebbe perdere il proprio fascino

A
A
A
di Redazione 6 Luglio 2021 | 14:34

“Dopo aver registrato un ciclo di apprezzamento pluriennale, il dollaro oggi si trova ad affrontare un numero crescente di fattori che potrebbero spingere la valuta statunitense oltre il punto critico. Pertanto, i movimenti di mercato delle ultime otto settimane meritano una certa attenzione”. A farlo notare è Kevin Thozet, membro del comitato investimenti di Carmignac, che di seguito spiega nel dettaglio la propria view.

Tutti i Paesi a livello globale non stanno uscendo dalla crisi sanitaria con le stesse dinamiche di crescita. Il contesto di desincronizzazione della crescita globale è riconducibile alle forti disparità nelle modalità con cui i Paesi hanno gestito la pandemia e all’eterogeneità delle misure adottate per rispondere alle ripercussioni economiche della crisi.

Negli Stati Uniti, i vari piani di sostegno e le campagne vaccinali hanno consentito una forte ripresa dell’economia. Diversi dati economici e le pubblicazioni dei risultati delle imprese ad oggi sembrano confermare questa tendenza. Inoltre, i 6.000 miliardi di dollari che il governo statunitense prevede di spendere nel 2022 lasciano presagire che l’economia statunitense continuerà a migliorare anche dopo l’anno del rimbalzo.

Un tale fenomeno di forte crescita economica, in termini assoluti e rispetto al resto del mondo, dovrebbe essere accompagnato da una performance sostenuta della valuta statunitense; tuttavia, il dollaro ha ampiamente azzerato l’apprezzamento registrato nel primo trimestre. Questo apparente paradosso non dovrebbe sorprendere.

Innanzitutto, il volume di spesa pubblica per sostenere l’economia statunitense e il conseguente indebitamento raggiungeranno livelli record. Questo è un primo aspetto penalizzante per il dollaro. Un altro è quello del finanziamento di una parte del budget statunitense attraverso aumenti delle tasse e delle imposte. Ciò potrebbe mettere a dura prova l’attrattiva dei titoli azionari statunitensi, e quindi del dollaro. Inoltre, le misure di sostegno adottate negli Stati Uniti sostengono i consumi, e quindi l’inflazione, mentre i piani di stimolo in Cina e in Europa sostengono maggiormente la produzione.

Tuttavia altri fattori potrebbero ridurre la domanda del dollaro nel medio termine. L’attuale eterogeneità dell’economia globale fa sì che le Banche Centrali, le cui decisioni puntano a regolare l’attività economica e l’aumento dei prezzi influenzando il livello dei tassi d’interesse, conducano politiche diverse. Inoltre, a differenza di alcuni loro pari, le autorità monetarie statunitensi appaiono pazienti, persino attendiste, poiché ritengono che l’aumento dei prezzi sia solo transitorio e che non sia quindi necessario aumentare i tassi d’interesse a breve termine.

Questa nuova modalità di reazione della Fed, che consiste nel lasciare correre l’inflazione prima di intervenire, ha anche un ulteriore impatto sul dollaro statunitense. Bisogna infatti tenere presente che l’inflazione erode il valore temporale di una valuta: con l’aumento dei prezzi, un dollaro non consente di acquistare domani gli stessi beni e servizi acquistati oggi.

L’atteggiamento della Fed solleva inoltre interrogativi riguardo alla sacrosanta indipendenza della Banca Centrale nei confronti del governo, dal momento che la Fed finanzierà una parte del budget record statunitense acquistando circa un quarto del debito emesso quest’anno. Questi dubbi sono alimentati anche dalla nomina al governo di Janet Yellen, ex presidente della Federal Reserve.

Altre aeree geografiche più interessanti

A questi diversi aspetti si aggiunge una peculiarità del mercato dei cambi: qui le strategie di investimento sono combinate. Tuttavia, nonostante la fortissima ripresa economica negli Stati Uniti, alcune aree geografiche attraggono maggiormente gli investitori.

L’Europa ha migliorato la propria attrattività grazie al rafforzamento della cooperazione politica ed offre inoltre opportunità di investimento in un cluster di aziende particolarmente esposte alla ripresa nei settori dei consumi, del turismo, della finanza e delle materie prime. Le società europee potrebbero continuare a beneficiare di dinamiche di crescita relativamente più favorevoli, dato che la ripresa economica nel vecchio continente è appena iniziata.

Da parte sua, l’Asia è la punta di diamante della quarta rivoluzione industriale. Inoltre il livello più elevato di alcuni tassi d’interesse in quest’area attrae gli investitori, favorendo le valute locali come lo yuan cinese.

Infine, non si può escludere una ripresa delle valute dei paesi esportatori di materie prime, sostenuta da fondamentali solidi e da una gestione economica rigorosa, mentre i prezzi dei prodotti di base, così utili alla ripresa dell’attività economica, sono tornati ai livelli di cinque anni fa. In Carmignac, ci stiamo quindi esponendo, in modo selettivo, a queste valute.

In termini di investimenti, la struttura del portafoglio resta equilibrata tra convinzioni a lungo e breve termine. La desincronizzazione della crescita economica globale presenta il vantaggio di consentire la diversificazione. Questi driver di performance a vantaggio dei nostri fondi sono integrati da strategie di copertura per salvaguardare i portafogli contro i rischi legati all’aumento dei tassi d’interesse e al cambio.

Contrariamente a quanto si potrebbe intuitivamente pensare, il calo del dollaro non è in contrasto con il rischio di rialzo dei tassi, e questo è ormai evidente da diversi mesi. Questo contesto è quindi favorevole a una gestione attiva del risparmio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: dollaro in cerca di conferme

Mercati, Euro/dollaro in cerca di una direzione in attesa della Fed

Forex: l’Euro temporeggia in attesa della Fed

NEWSLETTER
Iscriviti
X