Investimenti: tecnologia e sostenibilità essenziali nei portafogli

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 8 Luglio 2021 | 16:04

Le risorse messe in campo dai governi porteranno a un’accelerazione delle tecnologie al servizio della sostenibilità”. Parola di Matteo Ramenghi, Chief Investment Officer di UBS WM Italy, che di seguito spiega nel dettaglio ilproprio outlook.

I prossimi anni continueranno a essere critici per l’ambiente. L’aumento della popolazione e il miglioramento degli standard di vita porteranno infatti a un aggravarsi del deficit di risorse naturali. A livello mondiale si stima che le risorse che la Terra ci mette a disposizione nel corso di un anno siano già interamente esaurite entro agosto; nei Paesi più ricchi finirebbero addirittura a maggio.

Emissioni e cambiamenti climatici sono un tema ancora più scottante. Solo nel 2020 le calamità naturali collegate ai cambiamenti climatici hanno presentato un conto da 268 miliardi di dollari e si dimostrano in continuo aumento.

Conseguentemente, la risposta da parte delle istituzioni è di dimensioni epocali. Ridurre le emissioni di CO2 è oramai prioritario in tutto il mondo avanzato: l’Unione europea, gli Stati Uniti e il Giappone vogliono azzerarle entro il 2050 e la Cina entro il 2060. In termini numerici, i Paesi che investiranno nell’azzeramento delle emissioni di CO2 rappresentano il 70% del PIL globale.

L’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) ha indicato che l’energia prodotta da fonti rinnovabili dovrà passare dall’8% del totale al 40-45% del totale entro il 2040. La stessa agenzia sottolinea anche che gli investimenti in efficienza energetica continueranno a crescere e potrebbero più che triplicare rispetto ai livelli attuali, sfiorando gli 800 miliardi di dollari annui a livello globale, anche grazie ai notevoli incentivi fiscali.

L’Unione europea ha varato stimoli fiscali per 1850 miliardi di euro nei prossimi sette anni, che in gran parte vanno nella direzione di annullare le emissioni di CO2 entro il 2050. Si uniranno a questi sforzi molti capitali privati, creando partnership con gli Stati.

L’innovazione rappresenta una strada obbligata per perseguire questi obiettivi e continuerà a svolgere un ruolo fondamentale nella transizione verde, tanto che sui mercati si è coniato il termine «greentech» per indicare quelle società che sviluppano nuove tecnologie per la soluzione di problemi ambientali.

Il progresso tecnologico ha consentito di ridurre i costi dell’energia solare, eolica e delle batterie. In alcuni mercati, le energie rinnovabili sono così diventate il mezzo più economico per produrre elettricità e, quasi ovunque, continueranno a esprimere tassi di crescita multipli rispetto a quelli delle fonti fossili.

Nell’ultimo anno il mercato si è concentrato sempre più sull’opportunità che scaturisce dall’incontro tra innovazione e sostenibilità. In alcuni casi l’aumento dell’interesse ha dato luogo a qualche eccesso, che è stato seguito da correzioni in Borsa. Ad esempio, nell’ultimo anno l’indice S&P Global Clean Energy è salito dell’86%, nonostante una correzione del 17% da gennaio. Ma il trend di lungo termine rimane intatto e operando un’attenta selezione si possono identificare molte opportunità.

Infatti, un numero crescente di istituzioni e investitori privati sta orientando le proprie scelte verso la sostenibilità e questa tendenza continuerà in futuro, convogliando ingenti flussi monetari verso le società più virtuose. Questa dinamica potrebbe influenzare l’accesso al mercato dei capitali, la capacità di alcune aziende di finanziarsi a tassi più vantaggiosi e, non ultimo, le valutazioni.

Gli investimenti sostenibili sono un importante trend a lungo termine che è stato accelerato dalla pandemia e che potrebbe sfociare nella definizione di un nuovo standard. Molti fattori spingono in questa direzione: l’emergenza ambientale, le politiche dei governi e la crescente sensibilità di consumatori e investitori. Per queste ragioni rappresentano la nostra soluzione preferita per i portafogli diversificati globali.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, Cina: le conseguenze del giro di vite normativo

Investimenti: le ipotesi sulla nuova normalità

Top 10 Bluerating: BlueBay domina i governativi mondiali

NEWSLETTER
Iscriviti
X