Asset allocation: meglio le azioni per il secondo semestre

A
A
A
di Redazione 15 Luglio 2021 | 14:34

Le prospettive dei mercati finanziari per la seconda metà del 2021 dipendono fortemente da come la Federal Reserve e i mercati affrontano l’inflazione elevata negli Stati Uniti. NN Investment Partners (NN IP) si aspetta che la forte ripresa delle economie sviluppate rimanga intatta. Tuttavia ci vorranno diversi mesi prima che appaiano dei segnali che determineranno se l’inflazione è transitoria o se la Federal Reserve potrebbe muoversi verso il tapering. In questo contesto di “cruise control”, le azioni rimangono più attraenti dei titoli di Stato.

Nel complesso, NN IP rimane neutrale sugli asset rischiosi nel suo outlook per il secondo semestre 2021. L’inflazione statunitense raggiungerà probabilmente il picco verso la fine di quest’anno e che varie pressioni inflazionistiche appaiano transitorie: molte interruzioni della catena di approvvigionamento dovrebbero esaurirsi nei prossimi mesi; è probabile che l’OPEC accetti di aumentare l’offerta; la domanda repressa è una spinta finita e la scadenza del pacchetto di stimoli USA costringerà i lavoratori a tornare sul mercato del lavoro.

Marco Willner, Head of Investment Strategy di NN Investment Partners ha affermato: “In un mondo di inflazione transitoria, ci aspetteremmo che la Fed continui a parlare di tapering per ora e che rimandi i rialzi dei tassi al 2023. In questo contesto, c’è un moderato potenziale di rialzo dei tassi negli Stati Uniti e, in misura minore, in Europa. Tuttavia, non possiamo escludere il nervosismo del mercato, dato che l’inflazione elevata continuerà nei prossimi mesi. Questo dovrebbe creare un ambiente in cui le azioni hanno ancora qualche moderato rialzo e i tassi dovrebbero poi salire gradualmente. E mentre questa tendenza generale potrebbe essere graduale, i mercati potrebbero essere volatili lungo la strada a causa delle forti dinamiche macroeconomiche e del nervosismo sempre legato alla stretta monetaria”.

NN IP prevede che i risultati degli utili aziendali del Q2 degli Stati Uniti mostreranno il più grande cambiamento di crescita anno su anno. Dopo di che, i numeri cominceranno a normalizzarsi rapidamente, da più del 60% nel Q2 al 23% nel Q3 e al 17% nel Q4 per gli utili statunitensi. Questo rallentamento non è solo legato agli effetti di base, ma anche alle crescenti pressioni sui costi derivanti dall’aumento dei prezzi delle materie prime, dai costi di trasporto più elevati, dalle interruzioni della catena di approvvigionamento, dall’uso sub-ottimale della capacità, dai salari più alti e da tasse potenzialmente più alte.

Patrick Moonen, Principal Strategist di NN Investment Partners, aggiunge: “Il ciclo economico sta procedendo a una velocità insolitamente elevata e nel prossimo periodo passerà dalla fase di recupero a quella di ciclo intermedio. Questo non è necessariamente negativo per gli asset rischiosi, ma giustifica un approccio più equilibrato, che si allontani dalla pura esposizione alla crescita ciclica verso una crescita stabile e/o secolare.

L’asset allocation nei portafogli multi-asset di NN IP

Fixed income – Sottopeso sui Treasury USA

ei titoli di Stato, manteniamo i Treasury USA con un sottopeso moderato e restiamo neutrali nei Bund tedeschi, dove cerchiamo di cogliere le diverse dinamiche macro e di approvvigionamento tra le due regioni, anche se a un livello di convinzione inferiore rispetto ai mesi scorsi. Le obbligazioni high yield della zona euro e degli Stati Uniti sono ampiamente sovrappesate – l’high yield offre un profilo di rendimento asimmetrico, sovraperformante quando i rendimenti dei titoli di Stato scendono e stabili quando questi ultimi salgono. La solidità delle società è un altro sostegno per l’asset class. L’inflazione è il tema macro principale al momento. Preferiamo le obbligazioni inflation-linked della zona euro rispetto a quelle degli Stati Uniti.

Azioni – neutrale

I mercati hanno assistito a una corsa eccezionalmente forte e il compromesso rischio/rendimento ha iniziato a deteriorarsi. La variante Delta, insieme al picco degli utili e agli indicatori macro, l’aumento dei numeri sull’inflazione e l’atteggiamento più aggressivo della Fed hanno reso lo scenario più incerto. D’altra parte, il premio al rischio è vicino ai suoi minimi, l’ottimismo è alto e il posizionamento dei futures è aumentato molto. La nostra allocazione azionaria rimane tesa a beneficiare dei due temi dell’aumento dei rendimenti obbligazionari e dell’aumento dei prezzi delle materie prime. Allo stesso tempo, abbiamo introdotto una maggiore attenzione ai temi della crescita strutturale come il miglioramento dell’assistenza sanitaria e dei servizi di comunicazione. Da un punto di vista regionale, siamo entrati nel terzo trimestre con un sovrappeso sulle azioni dell’Eurozona e un sottopeso nei mercati emergenti.

Real estate – neutrale

Quest’anno il settore immobiliare ha sovraperformato le azioni. Tuttavia, l’aumento dei rendimenti dovuto agli impulsi fiscali statunitensi e alla normalizzazione economica rappresenta un vento contrario a medio termine. Inoltre, il real estate sta subendo dei cambiamenti strutturali che sono stati amplificati dalla crisi Covid. La tendenza all’e-commerce riduce la domanda immobiliare al dettaglio, rafforzando al contempo la logistica immobiliare. L’aumento del lavoro da casa continuerà a influire sulla domanda di uffici. Questi temi continueranno a pesare sull’asset class nel 2021 e oltre.

Commodity – neutrale

La volatilità è elevata con strozzature dell’offerta che fungono da blocco della tendenza alla ripresa economica globale. L’irrigidimento fisico del mercato delle materie prime continuerà nei prossimi mesi con la ricostituzione delle scorte in mezzo alla domanda repressa nei mercati sviluppati. L’alluminio è in sovrappeso. Le forniture di petrolio rimarranno probabilmente limitate nel 3° trimestre, con la riapertura dell’economia globale, ma il ritorno della produzione statunitense e un accordo nucleare USA-Iran creeranno dei venti contrari per i prezzi verso fine anno e verso il 2022. Il greggio americano WTI è moderatamente sovrappesato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi: i gestori obbligazionari attivi hanno sovraperformato i benchmark nel 1° semestre

Trading: al via l’ITCup 2021. Ecco come iscriversi

Fondi Pir: le previsioni sulla raccolta 2021

NEWSLETTER
Iscriviti
X