Mercati, Standard Ethics boccia la Danimarca

A
A
A
di Redazione 29 Luglio 2021 | 13:31
Standard Ethics ha modificato l’outlook del Regno di Danimarca da “Stabile” a “Negativo”. Il Country Rating “EEE-” è confermato.
L’assemblea legislativa monocamerale del Regno di Danimarca (Folketinget), su proposta del Governo retto dalla signora Mette Frederiksen e dal Ministro per l’integrazione Mattias Tesfaye, ha approvato il 3 giugno scorso una legge nazionale in relazione richiedenti asilo. La norma è stata giudicata dall’Alto commissariato Onu per i rifugiati (UNHCR) contraria “ai principi della cooperazione internazionale in materia di rifugiati”, e giudicata dalla Commissione Europea “incompatibile con le attuali regole dell’Ue e con la proposta del nuovo Patto per le migrazioni”. Appare contraria alla Convenzione di Ginevra.
La norma ha un elevato valore politico e simbolico seppure dotata di struttura confusa: prevede che il richiedente asilo in Danimarca, se ne avesse diritto, potrà sì ricevere detto asilo ma in un non meglio precisato “paese terzo”.
I Governi danesi che si susseguono appaiono orientati a politiche ed a norme anti migratorie poco compatibili con gli attuali livelli di rating attribuiti da Standard Ethics. La tendenza appare consolidarsi se si pensa che l’odierna “action” sul rating danese è sulla stessa materia che portò la Danimarca a perdere la tripla E cinque anni fa, il 7 giugno del 2016.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Convergenza dei tassi di crescita dei paesi nordici

Nordea: “Tra i paesi nordici la Svezia continua a brillare”

Italia, leggero miglioramento nella classifica di sostenibilità di Degroof Petercam

NEWSLETTER
Iscriviti
X