Mercati: le opportunità dell’impact investing

A
A
A
di Redazione 9 Agosto 2021 | 15:03

La strategia climatica dell’Unione europea “Fit for 55“, annunciata questo mese, mostra quanto sarà esteso e senza precedenti lo sforzo per frenare il cambiamento climatico. Mirando a una riduzione del 55% delle emissioni annuali di anidride carbonica entro la fine del decennio rispetto al 1990, la strategia punta a tagliare le emissioni di circa un terzo entro la fine del decennio.

È importante ricordare che si tratta del minimo necessario per evitare livelli pericolosi di cambiamento climatico che minerebbero lo sviluppo globale su tutti i fronti. Sarà quasi impossibile affrontare la povertà, la disuguaglianza o migliorare gli standard di assistenza sanitaria e di istruzione se non si faranno anche rapidi progressi per evitare ulteriori danni all’ambiente da cui tutti dipendiamo.

Ciò è alla base di un crescente consenso – consumatori, elettori, politici, regolatori e alcuni dirigenti – a favore dell’azione. In termini di scala, la proporzione del PIL globale coperta dagli obiettivi netti zero a livello nazionale ammonta a due terzi del PIL globale, compresi gli impegni di Cina, Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud. Copre anche oltre il 61% delle emissioni globali e il 56% della popolazione mondiale.

Opportunità convincente

Questa sfida senza precedenti rappresenta anche un’opportunità di investimento convincente – fornire capitale alle aziende che possono consentire la transizione verso le emissioni zero di anidride carbonica nette. Si tratta di aziende focalizzate sulla fornitura di prodotti e servizi cruciali per aiutare le imprese a raggiungere i loro obiettivi di emissione. Riteniamo che queste società di soluzioni ambientali nel tempo offriranno una sovraperformance a lungo termine con la rapida espansione dei loro mercati.

Un crescente filone di opportunità per queste aziende deriva da ambizioni di net zero aziendale sempre più sofisticate. Poco più di un quinto del Forbes Global 2000, o 417 aziende, che generano vendite annuali di circa 14 mila miliardi di dollari, hanno preso un impegno per le emissioni nette zero, la maggior parte prima del 2050.

Le aziende che mirano a raggiungere gli obiettivi di net zero dovranno adottare un approccio che tenga conto dell’intero “ciclo di vita”, affrontando sia le emissioni a monte (dai fornitori) sia le emissioni a valle che catturano le importantissime emissioni della “fase d’uso” di un prodotto. Ciò che è incoraggiante è che queste emissioni “Scope 3” sono riconosciute da iniziative quali la “Race to Zero” delle Nazioni Unite come un elemento necessario piuttosto che desiderabile delle ambizioni aziendali di net zero. Una ricerca dell’Università di Oxford e dell’Energy and Climate Intelligence Unit ha scoperto che più di un quarto delle vendite delle aziende all’interno del Forbes Global 2000 che hanno un obiettivo di net zero copre già questo livello di dettaglio.

Dal nostro punto di vista, tutto ciò sta già iniziando a inviare forti segnali attraverso le catene del valore, fornendo opportunità a quelle aziende con tecnologie di attivazione affinché riducano l’intensità climatica delle catene di fornitura verso il net zero. Inoltre, molte di queste opportunità sono in settori che finora hanno visto progressi limitati rispetto a quelli che stanno già facendo passi avanti, come i settori energetico e automobilistico.

Ciò richiederà del tempo. La decarbonizzazione della catena di approvvigionamento si sta facendo strada, ma non è un fenomeno comune ed è decisamente impegnativa. Se da un lato, un produttore può calcolare le emissioni di gas serra dalle proprie operazioni con un grado relativamente alto di fiducia, ottenere una visione sulle emissioni Scope 3 è molto complesso, soprattutto per le aziende con migliaia o addirittura decine di migliaia di prodotti e fornitori.

Flusso costante

Molte misure di riduzione delle emissioni sono anche costose e difficili per le aziende che operano in spazi relativamente standardizzati con margini risicati e poche opportunità di differenziazione.

Tuttavia, stiamo iniziando a vedere emergere un flusso costante di opportunità. Questo può avvenire in sacche del mercato in cui un piccolo aumento dei prezzi delle materie prime è gestibile, come quando una azienda attiva nel FMCG può sostituire gli ingredienti ad alta intensità di anidride carbonica. Questo fornisce potenziali opportunità per le aziende di ingredienti nel settore chimico, che possono beneficiare drasticamente dell’aumento dei margini se hanno un prodotto differenziante che può aiutare nella transizione verso il net zero.

Una società norvegese produce aromi di vaniglia sintetici da materiali sostenibili a base di legno come alternativa agli aromi di vaniglia a base di petrolio che sono la norma nell’industria alimentare. Il prodotto a base di legno offre una riduzione di anidride carbonica su una base del ciclo di vita di circa il 90% rispetto all’ingrediente a base di petrolio. Questa categoria sta crescendo ben oltre il 10% all’anno rispetto alla crescita dell’1% all’anno della vaniglia sintetica a base di petrolio.

 

In sintesi, gli obiettivi di anidride carbonica zero richiederanno assolutamente soluzioni ambientali, e avremo bisogno di più soluzioni diffuse in tutti i settori. Le aziende che producono o sono esposte a questi prodotti e servizi avranno un profilo più alto, riflettendo l’urgenza dei piani di mitigazione del clima. Crediamo che queste siano opportunità a lungo termine, e non si limitano solo a soluzioni di più alto profilo come i veicoli elettrici o l’energia pulita.

Ci aspettiamo di vedere soluzioni ambientali con una gamma più ampia di esposizioni potenziali, compresi mercati e settori che sono molto poco penetrati. Ci aspettiamo anche di vedere una crescita continua nella profondità e nella diversità del set di opportunità, e questo fornirà un ambiente di stock picking molto sano nel lungo termine.

Jon Wallace, Fund Manager, Environmental Solutions di Jupiter AM

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X