Asset allocation: ecco come posizionarsi nell’obbligazionario globale

A
A
A
di Redazione 31 Agosto 2021 | 15:02

Negli ultimi 30 giorni, le preoccupazioni per l’aumento dei casi di variante Delta e il conseguente impatto sulla crescita economica hanno portato a uno dei maggiori movimenti di risk-off da mesi. I rendimenti del Treasury Usa a dieci anni hanno registrato il maggior calo giornaliero da febbraio, scendendo di diecipunti base, a meno dell’1,2%, in parallelo a un forte aumento della volatilitàTuttavia, il sentiment degli investitori è rapidamente tornato di nuovo favorevole al rischio, sulla scia dei solidi risultati del secondo trimestre e dell’affievolirsi delle preoccupazioni che una ricomparsa del virus, guidata dalla variante Delta, possa far deragliare l’economia come successe a inizio pandemia nella primavera del 2020. Ecco di seguito la view di Norman Villamin, Chief Investment Officer Wealth Management di Ubp.

Mentre il rendimento del Treasury USA a diecidd anni ha chiuso il mese in netto calo, anche la curva 2s10s ha perso quasi tutto l’irripidimento registrato nel primo semestre del 2021. L’appiattimento della curva dei rendimenti dei Treasury riflette una riconsiderazione delle attese sulla policy della Fed a seguito della svolta hawkish della Banca centrale USA durante la riunione di giugno.

Alla riunione del FOMC di luglio, la Fed ha fatto un ulteriore passo in avanti per iniziare a ridurre gradualmente il QE e la riunione di Jackson Hole di fine agosto è stata un’occasione per fornire un’indicazione più chiara su come la Fed intenda passare dalle parole ai fatti nella riunione di settembre.

In questo contesto e insieme al dispiegamento dello stimolo fiscale statunitense, a una possibile accelerazione delle assunzioni e a un aumento dell’inflazione, riteniamo che i rischi siano ancora sbilanciati verso rendimenti più alti, mentre in prospettiva non escludiamo un aumento della volatilità. Di conseguenza, manteniamo duration corte e favoriamo strategie di carry.

Rimaniamo molto costruttivi sulle asset class a leva. Lo scenario rimane positivo. Il miglior rapporto tra carry e duration assicurato dall’indice dei prestiti a leva è un fattore chiave nel supportare la nostra view positiva.

Siamo più cauti sul debito dei mercati emergenti, in particolare sul debito corporate, a causa del rischio normativo in Cina, dell’aumento dei tassi USA e dell’inflazione. Gli spread sovrani hanno continuato a scambiare in un range ristretto, ma sono comparse alcune pressioni sugli spread che si sono leggermente allargati.

Detto questo, poiché le valutazioni sono contratte nella maggior parte delle asset class a reddito fisso, ci aspettiamo che i rendimenti cedolari siano i vincitori della seconda metà dell’anno. Continuiamo a fare affidamento su una selezione di titoli per guidare la generazione di alfa ed evitiamo il debito a lunga scadenza che potrebbe essere colpito da un aumento dei rendimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: le obbligazioni restano un campo minato

Asset allocation: come muoversi in uno scenario in chiaroscuro

Asset allocation: sette temi di investimento top per il 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X