“Borse ai massimi, niente paura”

A
A
A
di Redazione 14 Settembre 2021 | 14:51

Di seguito un commento a cura di Alessandro Aspesi (nella foto), country head Italia di Columbia Threadneedle Investments

Il boom del mercato azionario sembra illogico, poiché la fine della pandemia non è ancora in vista. Si vedono gli investitori lottare con questo e chiedersi se i mercati non stiano raggiungendo un picco.
Tuttavia, il rally è basato su fondamentali solidi, perché la crescita degli utili aziendali è molto forte.
Poiché gli utili aziendali stanno aumentando molto più velocemente del previsto, i multipli di valutazione stanno scendendo rapidamente. Di conseguenza, le azioni rimangono attraenti.
Questo è soprattutto il caso degli Stati Uniti, che costituiscono circa il 60% dell’indice MSCI World. I profitti delle aziende statunitensi hanno superato le aspettative con un ampio margine per cinque trimestri di fila e sono ben al di sopra dei livelli del 2019. Anche i risultati nella maggior parte degli altri paesi sono rimbalzati con forza alle altezze pre-corona.

Ancora molte opportunità nelle azioni
Il buon slancio degli utili giustifica le valutazioni elevate. L’anno scorso, in questo periodo, le azioni avevano un prezzo solido e le prospettive di guadagno erano molto incerte. Grazie alle sorprese positive degli utili, i rapporti prezzo-utili sono scesi, sostenendo il mercato azionario. Gli analisti stanno aumentando nettamente le loro stime di guadagno per quest’anno, ma le stanno abbassando per il 2022. L’ outlook per il 2021 è una crescita degli utili per azione del 46% per le azioni globali e solo l’8% per il 2022. Questo lascia spazio a sorprese positive per gli utili anche l’anno prossimo.
Da questo punto di vista, le azioni globali sono scambiate a meno di 20 volte gli utili previsti per i prossimi 12 mesi e continuano ad offrire ancora molte opportunità, di certo rispetto ai titoli a reddito fisso. L’interesse sui titoli di stato tedeschi è ancora negativo. Gli spread di rischio sulle obbligazioni societarie sono molto bassi. Le azioni rimangono quindi relativamente attraenti.
Fondamentalmente, la crescita degli utili aziendali continuerà. Il numero di sorprese positive sugli utili ha raggiunto il picco quest’anno e logicamente diminuirà, anche alla luce del continuo aumento della variante delta del coronavirus e dell’indebolimento della crescita economica globale. Ma il consenso per il prossimo anno sembra essere perfettamente raggiungibile. Se i profitti continueranno a salire, anche i mercati azionari potrebbero salire.

Vediamo un po’ di incertezza in Cina dove il settore dell’istruzione non è più autorizzato a fare profitti e ci aspettiamo che anche altri settori debbano affrontare una maggiore regolamentazione. Anche se è troppo presto per concludere che il mercato azionario cinese diventerà invendibile, le aziende dovranno adattarsi al nuovo regime politico. Per molte società, non è chiaro come saranno i profili degli utili tra 3 o 5 anni.

Un approccio incentrato sulla qualità e le aziende con importanti vantaggi competitivi
Il fondo Threadneedle (Lux) Global Focus, uno dei fondi azionari di punta di Columbia Threadneedle, è attualmente sovrappesato su grandi società tecnologiche, sanitarie e di consumo negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati. Le tre maggiori posizioni sono Microsoft (7,9%), Alphabet (6,1%) e Amazon (5,9%). Anche nomi meno noti come il produttore statunitense di software di contabilità Intuit e il gruppo medico giapponese Hoya fanno parte del portafoglio. L’attenzione verso le società con una crescita sostenibile ha ripagato: i rendimenti sono stati in media del 18,6% all’anno negli ultimi 5 anni (netto, in euro – al 31 luglio 2021), rispetto al 14,4% dell’indice MSCI ACWI. Ci concentriamo principalmente su società di qualità con un importante vantaggio competitivo, che mostrano una crescita costante degli utili attraverso il ciclo economico. Questo approccio ci posiziona bene in un ambiente caratterizzato dall’incertezza dovuta alla pandemia e alla politica monetaria delle banche centrali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X