Asset allocation, azioni: l’outlook resta positivo. Ecco le ragioni

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 15 Settembre 2021 | 15:02

La pausa estiva del secondo anno di pandemia è stata relativamente tranquilla, se non si considerano gli inattesi e drammatici sviluppi in Afghanistan che avranno sicuramente implicazioni a livello geopolitico, ma non conseguenze immediate per l’economia globale.

“Nonostante i timori estivi sulla diffusione della variante Delta e sulla riduzione degli acquisti di assets della Fed (tapering), le azioni sono state supportate dalla pubblicazione degli utili molto positiva del secondo trimestre. I settori che hanno mostrato il maggiore incremento degli utili sono stati quelli che erano stati più penalizzati dalla pandemia lo scorso anno, ovvero energia, materiali, industria, beni discrezionali e finanziari“. Ad affermarlo è Alessandro Caviglia, Responsabile Investimenti di Cordusio SIM, che di seguito speiga nel dettaglio la propria visione.

In Europa, il 64% delle società dell’indice Stoxx600 ha battuto le attese degli utili con una crescita del 71% e una sorpresa positiva del 16% e con 10 settori su 11 che mostrano una crescita a due cifre.

I mercati finanziari hanno anche reagito positivamente alle dichiarazioni di Powell su una riduzione dell’acquisto di titoli, facendo rimanere i rendimenti dei titoli del tesoro USA su livelli bassi.

Questo contesto continua a favorire l’investimento in azioni

Il premio per il rischio azionario, ovvero la differenza tra il rendimento delle azioni e i rendimenti delle obbligazioni corporate e governative, continua infatti a giustificare la nostra raccomandazione strategica positiva sulle azioni rispetto ai titoli corporate e di Stato.

Di particolare attenzione rimane il tema della Cina che reputiamo il principale fenomeno geopolitico degli ultimi decenni. Dall’inizio dell’anno, la performance delle azioni cinesi è stata inferiore a quella delle azioni europee e americane.

Questi dati non inficiano il nostro outlook di lungo periodo che rimane positivo. Tuttavia, è necessario essere selettivi: un robusto sviluppo economico a medio termine in Cina, che si basa su una crescita inclusiva e dovrebbe consentire la partecipazione economica di più ampie fasce della popolazione, dovrebbe essere vantaggioso anche per le aziende europee.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: puntare sull’equity con energia e finanziari

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi degli analisti da Atlantia a Tenaris

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi degli analisti da Autogrill a Telecom

NEWSLETTER
Iscriviti
X