Investimenti: le differenze tra Italia e Germania alla luce del Pnrr

A
A
A
di Redazione 20 Settembre 2021 | 10:02

In Germania l’indice PMI manifatturiero ha registrato una flessione a 62,2 punti dai 65,9 di agosto. Come noto l’indicatore raccoglie le opinioni dei responsabili acquisti delle aziende per valutare le prospettive dell’economia. La domanda di merci tedesche è molto forte, con una crescita dei nuovi ordini tra le più alte mai registrate ma i livelli di produzione sono limitati in quanto i produttori sono alle prese con grossi problemi di filiera, tanto che la crescita della produzione è inferiore a quella dei nuovi ordini in una misura mai vista in oltre 25 anni di dati della serie storica.

Anche la Germania avrà a disposizione i fondi del Pnrr, che presumibilmente utilizzerà per il consolidamento della finanza pubblica. A differenza dell’Italia, che invece scommette su un complesso di riforme e investimenti, atteso produrre un impatto positivo e persistente sulla crescita del Pil. Il piano della Germania è molto più modesto di quello Italiano e ammonta a 25,6 miliardi di euro, pari a circa lo 0,7% del Pil (un decimo del valore per l’Italia), basandosi solo su trasferimenti e include 40 progetti di investimenti e 27 riforme. Al netto delle dimensioni dei due piani, che riflettono le differenti condizioni macroeconomiche dei due paesi, la differenza tra i due Pnrr emerge guardando alla cronologia indicata per il completamento di riforme e progetti di investimento.

Mentre l’Italia dà priorità alla realizzazione delle riforme e lascia il completamento dei progetti di investimento alla fine del Pnrr, la Germania anticipa sia le riforme sia i piani di investimento. Ciò significa che l’Italia otterrà verosimilmente i fondi più tardi rispetto alla Germania (posto che quest’ultima approvi tutte le riforme indicate in tempo, dato non scontato vista la campagna elettorale in corso).

Sicuramente a differenza dell’Italia, la Germania non ha problemi di bilancio: dopo l’aumento del debito indotto dalla pandemia, il rapporto debito/Pil è di circa il 75% contro il 160% dell’Italia. Occorrerà capire quanto possa essere sostenibile lo stimolo fiscale.

A cura di Antonio Tognoli, Head of Research di Integrae Sim

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, obbligazioni: le inflation linked non sono tutte uguali

Asset allocation, attenzione: le obbligazioni Esg non sono tutte uguali

Bond: le differenze nelle curve dei rendimenti Usa ed europee

NEWSLETTER
Iscriviti
X