Asset allocation: l’oro giusto al posto giusto

A
A
A
di Redazione 21 Settembre 2021 | 09:05

Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia, è intervenuto in occasione del Salone del Risparmio per parlare di inflazione. Insieme a risparmio e sostenibilità, l’inflazione ricopre un ruolo da protagonista, nel panorama finanziario odierno.

Si tratta di un fenomeno transitorio o strutturale? Quali potrebbero essere gli effetti? E le cause? Come proteggere i propri risparmi?

Sono numerosi gli interrogativi che gravitano intorno a questo concetto. Cerchiamo di partire dalle parole del premio Nobel, per ricostruire il percorso ed individuare quale potrebbe essere la strategia ideale per dare stabilità al proprio portafoglio.

Il titolo della conferenza organizzata da Axa, alla quale ha preso parte il premio Nobel, non lascia spazio al dubbio. L’inflazione è un fenomeno reale e a pagarne il dazio sono in primo luogo i consumatori. L’indice CPI è già tornato ai livelli del 2013 e sembra non voler interrompere la propria marcia. Secondo Istat, l’inflazione è al 2%. Gli effetti di questa situazione hanno già cominciato a fare capolino nel carrello della spesa.

In merito all’attuale Presidente della Banca Centrale Americana, Stiglitz non dubita che verrà presto sostituito. Il premio Nobel, infatti, ha dichiarato che ci sono buone probabilità che venga proposto un nuovo candidato al posto di Jerome Powell. Qualcuno più attento a tematiche normative ed agli impatti delle politiche monetarie. Difficile, infatti, non considerare l’importante quantità di denaro fiat, stampato dalla Federal Reserve, per far fronte all’emergenza Covid. Il grafico della massa monetaria M1, sotto questo profilo, è molto eloquente:

Fonte: FRED (Federal Reserve Bank of St. Louis)

Quanto oro detenere nei propri portafogli?

Dunque, l’inflazione è una minaccia reale ed è necessario equipaggiarsi di una strategia utile a proteggere il proprio denaro. In un recente articolo di Wall Street Italia, nota rivista di informazione finanziaria, sono state riportate le considerazioni di Mark Mobius, investitore ed esperto di mercati emergenti, con esposizione internazionale. Sul ruolo dell’oro, nei portafogli, Il fondatore di Mobius Capital Partners identifica una percentuale minima del 10%, la quantità ideale di oro fisico, da detenere in portafoglio. Questa diversificazione, secondo l’esperto, sarebbe utile per anticipare gli effetti di eventuali crisi valutarie ed inflattive, nonché la perdita di potere d’acquisto e svalorizzazione del risparmio, che ne deriverebbe.

A cura di Confinvest

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: come agire in un mondo in rapido cambiamento

Mercati: oggi dati Usa cruciali per capire il trend dell’inflazione

Mercati: previsioni inflazionate

NEWSLETTER
Iscriviti
X