Azioni Aim: Industrie Chimiche e Forestali punta su diversificazione e innovazione

A
A
A
di Redazione 27 Settembre 2021 | 13:01

Per Industrie Chimiche e Forestali il primo semestre 2021 ha evidenziato una forte ripresa dei volumi e una discreta tenuta dei margini nonostante le turbolenze sui prezzi delle materie prime, confermando una solida generazione di cassa a sostegno dello sviluppo del business. Il Gruppo ha inoltre confermato l’impegno sulle tematiche ambientali, attraverso una costante innovazione di prodotto e di processo in chiave sostenibile che lo rendono un player affidabile all’interno delle sempre più stringenti normative dell’industria chimica. Un focus che garantisce un posizionamento strategico ottimale per sfruttare la ripresa del mercato, a cui affiancare eventuali opportunità di M&A in un’ottica di consolidamento del settore e diversificazione del business. Ecco di seguito l’analisi fondamentale di Icf elaborata dagli analisti di Market Insight.

        1. L’amministratore delegato, Guido Cami, illustra le priorità strategiche
        2. Un Gruppo con oltre 100 anni di storia
        3. Un portafoglio diversificato per un’azienda sempre più globale
        4. L’innovazione in ottica green
        5. Il focus sull’M&A
        6. I risultati del 1H21: ricavi oltre il 2019 e solida generazione di cassa
        7. Outlook
        8. Le stime di Alantra

“Continuare il percorso di crescita organica attraverso la diversificazione settoriale e geografica, mantenere il focus sulla ricerca e sviluppo per garantire una costante innovazione di prodotto, proseguire lo sviluppo per linee esterne”.

Sono queste le priorità strategiche individuate dall’Amministratore delegato di Industrie Chimiche Forestali, Guido Cami, mantenendo la filosofia ‘green’ insita nel DNA dell’azienda, nell’ambito della sempre più stringente regolamentazione dell’industria chimica.

Il Gruppo ha guadagnato progressivamente quote di mercato facendo leva su un posizionamento competitivo che lo vede a metà strada tra i grandi player globali fortemente strutturati e le aziende locali familiari più snelle e flessibili.

Un’espansione che ha visto la società capace di entrare in nuovi settori oltre a quello storico della calzatura, come la pelletteria, l’automotive e l’imballaggio flessibile, e in nuovi mercati geografici, esportando in 80 paesi nel mondo.

“Riteniamo di essere ben posizionati per continuare a crescere nei nostri mercati di riferimento anche grazie al nostro focus sulla sostenibilità, sfruttando anche eventuali opportunità di M&A per partecipare al consolidamento del settore, alla luce delle sempre maggiori normative sui temi ambientali”.

Clicca qui per continuare a leggere l’analisi fondamentale su Industrie Chimiche e Forestali di Market Insight.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X